Emma Raducanu dopo la vittoria: "Ci vuole ancora tempo per ritrovarmi"



by   |  LETTURE 3428

Emma Raducanu dopo la vittoria: "Ci vuole ancora tempo per ritrovarmi"

Dopo il piccolissimo momento complicato dopo la straordinaria vittoria agli Us Open, dovuto soprattutto all'emozione ed al cambiamento per tutto ciò che stava accadendo, la giovanissima tennista britannica Emma Raducanu ha offerto una buona prova nel torneo di Cluj Napoca battendo in circa un'ora e 30 minuti Ana Bogdan.

Il doppio 6-4 ha portato la diciottenne ai Quarti di finale del Transylvania Open dove ora Emma risulta senza dubbio come una delle favorite. Continua l'avanzata anche delle prime due teste di serie del torneo, ovvero la favorita padrona di casa Simona Halep e la testa di serie numero due Anett Kontaveit, entrambe vincitrici in due set rispettivamente sulla Gracheva e sulla Van Uytvanck.

È il secondo quarto di finale per la recente campionessa a Flushing Meadows, il suo primo in un torneo che la vede testa di serie. Il suo record complessivo quest'anno è di 25 vittorie e 8 sconfitte con il suo tennis che è apparso sempre più in crescita negli ultimi mesi.

Le parole di Emma Raducanu in conferenza

Dopo la vittoria con la Bogdan la tennista ha parlato in conferenza ed ha cosi dichiarato: "Credo che ci vuole ancora del tempo per ritrovarmi ancora, sto solo imparando qualcosa ogni volta che gioco ma credo che ci voglia ancora tempo e ancora mi devo formare.

Sono in crescita ma di certo il prodotto non è completo". Rispetto al primo incontro con la Hercog la Raducanu ja trovaro senza dubbio un maggiore equilibrio mostrando sia aggressività che atletismo e mostrando una discreta intelligenza tattica che sicuramente non va data per scontata (parliamo di una tennista giovanissima).

La rumena ha provato a reagire nel secondo parziale dove ha recuperato un break e sembrava quasi sul punto di pareggiare i conti ma la Raducanu ha trovato il giusto equilibrio ed ha ottenuto il pass per il terzultimo atto del torneo.

Ai Quarti sarà scontro tra giovanissime con l'ucraina Kostyuk che viene considerata insieme alla britannica tra le più interessanti promesse del circuito femminile Wta.