Alexander Zverev ancora contro Piquè e la nuova Davis



by   |  LETTURE 5373

Alexander Zverev ancora contro Piquè e la nuova Davis

Dopo oltre 100 anni di storia, la Coppa Davis ha completamente cambiato pelle grazie alla rivoluzione perseguita dal Gruppo Kosmos di Gerard Piquè. Il nuovo format, utilizzato per la prima volta nel 2019, ha di fatto eliminato i famosi weekend dedicati alla più importante manifestazione a squadre e optato per delle Fasi Finali caratterizzate da 6 gironi, il cui esito determina le squadre che guadagnano l’accesso ai quarti di finale.

Questa scelta ha scatenato reazioni avverse all’interno del circuito maggiore e sono diversi i giocatori che hanno deciso di non prendere parte alla Davis nel 2019. Uno di questi è Alexander Zverev, che in più di un’occasione ha attaccato Piquè e la sua società.

Anche quest’anno, infatti, il tedesco non parteciperà al torneo e non rappresenterà il suo Paese.

Zverev attacca ancora Piquè e la nuova Coppa Davis

"Il format va cambiato, sono uno che mantiene la mia parola.

Non gioco in Davis da più di due anni e anche per questa stagione non sarò presente. Voglio vincere in futuro la Coppa Davis, ma voglio vincere la vera Coppa Davis e non una competizione ideata da una persona fuori dal tennis” , ha spiegato Zverev in un’intervista concessa a Kleine Zeitung.

La Germania non potrà quindi contare sul migliore giocatore della squadra. Quest'anno, il team tedesco sarà composto da Jan-Lennard Struff, Dominik Koepfer, Peter Gojowczyk, Kevin Krawietz e Tim Puetz. Ricordiamo che la Germania è stata inserita nel Gruppo F insieme alla Serbia di Novak Djokovic e all'Austria.

Il 20 volte campione Slam ha stabilito il programma che seguirà nell'ultima parte di stagione e, oltre alla Davis, disputerà il Masters 1000 di Parigi-Bercy e le ATP Finals di Torino. L'obiettivo di Djokovic è quello di blindare la prima posizione del ranking ATP e chiudere l'anno ancora una volta in vetta.L'unico ostacolo che separa Djokovic dal traguardo porta il nome e il cognome di Daniil Medvedev.