Berrettini, dalla qualificazione alle Finals di Torino alla vittoria contro Popryin



by   |  LETTURE 1616

Berrettini, dalla qualificazione alle Finals di Torino alla vittoria contro Popryin

Grazie alla vittoria contro Alexei Popryin al primo turno del torneo ATP 500 di Vienna e alla sconfitta di Hubert Hurkacz, Matteo Berrettini ha ufficialmente staccato il pass per le ATP Finals di Torino. Il romano è così diventato il primo tennista italiano a qualificarsi per il Torneo dei Maestri ben due volte in carriera.

Berrettini ha mostrato grande maturità nel corso del match d’esordio all’Erste Bank Open. Nel primo set, entrambi i tennisti hanno tenuto il servizio senza troppi problemi fino al 5-5, quando l’australiano ha annullato una pesante palla break all’azzurro.

Berrettini non si è però fatto condizionare dall’occasione persa: ha prima chiuso a 15 il suo turno di battuta e poi dominato con autorità il tie-break. Nella seconda frazione di gioco, come nella prima, l’italiano non ha offerto palle break e ha strappato il servizio all’avversario nel sesto game.

Berrettini: "Spero che il Paese sia orgoglioso di me"

"Il primo match in un torneo non è mai facile. Sicuramente non mi aspettavo un incontro così complicato, ma dal secondo set in poi ho giocato meglio, quindi sono contento della mia prestazione.

Qualificazione alle Finals di Torino? Non lo avevo neppure sognato, era qualcosa di troppo grande, ma ora sta accadendo, voglio fare del mio meglio" , ha spiegato Berrettini in conferenza stampa nelle parole raccolte da La Gazzetta dello Sport.

"Il 2020 è stato un anno difficile per me, dentro e fuori dal campo. Qui sto per giocare le mie seconde Finals e non posso crederci. Devo sempre ricordare da dove ho iniziato. Quando nel 2019 mi dissero che le Finals sarebbero state a Torino, ricordo che il sindaco della città mi disse: 'Ci vediamo a Torino'

E io: 'Sì, d’accordo' Poi mi sono qualificato per Londra e ora mi sto qualificando per Torino. Non riesco proprio a descrivere quanto sono felice. Spero che il Paese sia orgoglioso di me" .