Krajinovic: "Se devo stare in quarantena per 14 giorni, non andrò in Australia"



by   |  LETTURE 1726

Krajinovic: "Se devo stare in quarantena per 14 giorni, non andrò in Australia"

La presenza di Novak Djokovic agli Australian Open 2022 è sempre più incerta. “Sulla questione della vaccinazione, abbiamo deciso di adottare la linea dura e coerente dello stato. Al virus non importa quale sia la tua classica tennistica o quanti Slam hai vinto.

È completamente irrilevante. Devi essere vaccinato per proteggerti e per proteggere gli altri” . Con queste parole, il premier dello stato australiano del Victoria Daniel Andrews ha annunciato che non ci saranno deroghe per gli atleti non vaccinati in vista della prossima edizione degli Australian Open.

Djokovic, da parte sua, ha fatto sapere che non ha intenzione di rivelare le sue scelte personali e che non sa se giocherà lo Slam che lo ha visto dominare negli ultimi anni.

Filip Krajinovic: "Non andrò in Australia se...

"

Filip Krajinovic, che ha completato il ciclo vaccinale, ha aperto un altro grande punto interrogativo. Il serbo ha infatti spiegato che non ha nessuna voglia di partire verso Melbourne e poi rispettare una lunga e rigida quarantena.

"Sono molto rigorosi lì e onestamente, se devo stare in quarantena per quattordici giorni dopo l’arrivo a Melbourne, non andrò in Australia" , ha dichiarato Krajinovic in un'intervista a Sport Blic.

"Sono stato vaccinato, ho fatto tutto ciò che era in mio potere per proteggere me stesso e le persone intorno a me, quindi non vedo davvero alcun motivo per sedermi lì per quattordici giorni in una stanza.

Se dicono che dopo l’arrivo devo stare, diciamo, cinque giorni in isolamento, per me va bene, ma tutto ciò che va oltre è inaccettabile per me. La stagione finisce tardi, avrò venti giorni per prepararmi e partire.

Verranno ancora organizzati voli charter, l’ultimo dei quali è previsto per il 28 dicembre, l’ultima data utile per andare in Australia. Vedrò quale sarà la decisione finale di Melbourne, quindi deciderò la cosa migliore da fare” . Vedremo se Tennis Australia riuscirà a garantire ai giocatori le migliori condizioni possibili.