Fognini: “Sinner-Olimpiadi? Ognuno fa le sue scelte e ne subisce le conseguenze”



by   |  LETTURE 1720

Fognini: “Sinner-Olimpiadi? Ognuno fa le sue scelte e ne subisce le conseguenze”

La carriera di Fabio Fognini sembra pian piano avviarsi verso la conclusione. Il tennista ligure prosegue con la sua partecipazione ai tornei in giro per il mondo ma oramai, a 34 anni, senza troppe pretese. Nel frattempo però dimostra una condizione fisica sufficiente a tenere botta nelle manifestazioni più importanti e contro avversari di spessore.

L’esempio più recente è la sfida ad alta tensione di ottavi di finale a Indian Wells contro Stefanos Tsitsipas, conclusasi con appena un punto di differenza (87 punti vinti il greco, 86 l’azzurro).

Giunge ora alla fine di una stagione davvero poco esaltante l’ex campione del Masters 1000 di Montecarlo, il cui risultato di maggior rilievo è stato la finale di ATP Cup in febbraio contro Andrey Rublev che gli concesso soltanto tre giochi portando la Russia alla vittoria della seconda edizione del torneo.

Fognini che ha preso parte anche alla spedizione italiana ai Giochi Olimpici di Tokyo e ha chiuso il suo percorso al terzo turno sconfitto dal futuro campione degli US Open Daniil Medvedev. La squadra azzurra era priva dei due giocatori col miglior ranking in questo momento: Matteo Berrettini e Jannik Sinner, di cui Fognini ha avuto particolarmente da ridire.

Fognini: “Sinner ha sbagliato a non partecipare”

In una intervista concessa a “Non Stop News”, trasmissione in onda su RTL 102.5, Fabio Fognini ha parlato dell’attuale momento del tennis italiano che vanta talenti come Berrettini e Sinner.

Alla domanda su chi, tra tutti i giovani giocatori azzurri, potrebbe essere destinato a una gloriosa carriera, il 34enne di Arma di Taggia ha risposto: “Non sta a me dirlo. lo ho sempre detto che più siamo, meglio è.

Io oramai sono il ‘vecchietto’. A livello internazionale ci sono parecchi nomi che si sono fatti notare e si faranno notare ancora di più nei prossimi anni” . Si è tornati poi sulla questione Sinner, che a detta di Fognini ha commesso un errore a rinunciare alle Olimpiadi e alla squadra azzurra: “Io nella mia carriera ho spesso sbagliato e quando ho sbagliato ho sempre fatto mea culpa, però ho sempre detto ciò che penso, nel bene e nel male.

Questa è la mia opinione, per me ha sbagliato. Poi ognuno fa le sue scelte e deve subirne le conseguenze. Non sta a me dire se ha sbagliato, lui sicuramente ha alle spalle un team di valore che gli ha consigliato di agire così e lui ha fatto così” .