Azarenka: “Il mondo sta cambiando percezione sulla salute mentale”



by   |  LETTURE 1357

Azarenka: “Il mondo sta cambiando percezione sulla salute mentale”

Raggiungere i vertici nel tennis è un qualcosa a cui tutti i giocatori e le giocatrici aspirano. Vincere Slam e scalare la classifica genera adrenalina oltre che grande popolarità. Talvolta, tuttavia, le luci dei riflettori possono presto rivelarsi un’arma a doppio taglio.

Basta un infortunio o, per un semplice scherzo del destino, inanellare una serie di risultati negativi e la “bolla magica” si rompe, provocando ripercussioni anche gravi sulla salute mentale. Da qualche tempo a questa parte l’attenzione verso questa delicata questione sta prendendo sempre più piede, sta crescendo la consapevolezza dell’importanza di preservale l’integrità psicologica oltre che quella fisica.

Un cambiamento di visione che viene riconosciuto anche dall’ex numero 1 del ranking WTA Victoria Azarenka, intervistata da WTA Insider.

Azarenka: “La percezione sulla salute mentale sta cambiando”

“Penso che il mondo stia cambiando la percezione di cosa sia la salute mentale.

Abbiamo quell'empatia quando vediamo qualcuno che è fisicamente ferito e si può andare [diciamo], 'Oh', e sentire una certa emozione, emozione enfatica verso qualcuno", ha detto la Azarenka.

"La salute mentale è qualcosa che è invisibile. Penso che sia forte, potente come qualsiasi salute fisica. Speriamo che ci siano molti più strumenti là fuori su come far fronte a questo, come affrontare questo.

Sì, voglio dire, la consapevolezza è davvero, davvero importante" . Chi ha attenzionato grandemente il tema tanto da avviare un progetto è Venus Williams, che insieme a BetterHelp (un portale online che fornisce servizi di sostegno e consulenza per la salute mentale) e alla WTA hanno offerto due milioni di dollari di terapia gratuita al pubblico.

"La sfida di prendersi cura della nostra salute mentale attraverso gli alti e bassi della vita è qualcosa che tutti noi, non importa il nostro background, può riguardare", ha dichiarato la Williams.

“Ora più che mai abbiamo bisogno di creare un ambiente accogliente e aperto per cercare una terapia professionale per la salute mentale, motivo per cui sono così entusiasta di collaborare con BetterHelp e la WTA per fornire l'accesso alla terapia gratuita e contribuire ad aumentare la consapevolezza” .

Alla tennista statunitense si è aggregato Alon Matas, presidente di BetterHelp: “Siamo entusiasti di collaborare con Venus e la WTA per portare maggiore consapevolezza e accesso alla terapia. Soprattutto oggi, è importante che ci prendiamo cura del nostro benessere mentale e la terapia fornisce lo spazio e il tempo per fare proprio questo.

Siamo incredibilmente entusiasti di sostenere gli obiettivi della WTA e di collaborare con Venus per continuare a rendere la terapia più accessibile” .