Matteo Berrettini critica le condizioni di gioco ad Indian Wells: "Non è normale!"



by   |  LETTURE 19740

Matteo Berrettini critica le condizioni di gioco ad Indian Wells: "Non è normale!"

Prima vittoria in carriera nel torneo di Indian Wells e Finals Atp di Torino sempre più vicine per il numero uno azzurro e numero 7 al mondo Matteo Berrettini. Vittoria meno agevole del previsto per l'atleta romano che ha battuto in due set il qualificato cileno Alejandro Tabilo, sconfitto con il risultato di 6-4;7-5.

Il finalista di Wimbledon è apparso in buone condizioni, il ritiro in doppio a causa di qualche problemino fisico aveva preoccupato i tifosi, ma il match contro il sudamericano ha rassicurato e Berrettini a fine gara è apparso abbastanza ottimista: "C'è voluto un po' di tempo per conquistare la prima vittoria qui, ma ora sono davvero felice.

Amo questo posto ed anche le condizioni, viene chiamato 'Tennis Paradise' e capisco sicuramente il perché. Tabilo? Non conoscevo molto bene Alejandro, ma sapevo che non era una sfida semplice. Aveva già giocato tre gare qui e per questo si sentiva sicuro, aveva fiducia in sé stesso e credeva nelle sue possibilità di vincere, quindi questo era un altro motivo per cui non era affatto facile batterlo.

Le condizioni? Sono quelle tipiche per un deserto, c'è un grande caldo e la verità è che sia il campo che le palline sono molto lente. Personalmente penso che non sia normale giocare qui con questo caldo, ma sono contento del livello del mio gioco.

Credo di poter senza dubbio fare meglio, ma mi sembra di aver trovato un buon livello di regolarità, certo poteva andare anche peggio" Il prossimo avversario di Matteo Berrettini è il tennista americano Taylor Fritz.

Le parole di Berrettini in vista delle Atp Finals

Parlando riguardo le Finals l'azzurro ha commentato cosi: "Ad inizio anno non mi aspettavo di essere in questa posizione (sesto nella Race) ma ora sarebbe davvero bello concludere la stagione com le Finals, ora sono in una buona posizione.

A Londra erano belle ma credo che in Italia sarebbe davvero fantastico per me e per il pubblico. Io e Jannik a Torino? Lui sta dimostrando che il tennis italiano è in salute, anche altri giocatori stanno arrivando in alto e stanno giocando molto bene"