Matteo Berrettini: “Non giocavo per me stesso, ma per un’intera squadra”



by   |  LETTURE 4824

Matteo Berrettini: “Non giocavo per me stesso, ma per un’intera squadra”

Dopo un anno di assenza torna finalmente la Laver Cup, in scena stavolta a Boston. La competizione, nata nel 2017 per volere dell’ex numero uno ATP Roger Federer, ha sempre visto trionfare il Team Europe, con il Team World arrivato ad un soffio dalla vittoria solamente nel 2019.

In questa stagione, data la pesante assenza di Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal, la squadra europea dovrà affidarsi ad altri giocatori come Daniil Medvedev, Stefanos Tsitsipas, Alexander Zverev, Andrey Rublev, Matteo Berrettini, Casper Ruud e Feliciano Lopez (in qualità di alternate).

Le parole di Berrettini

Nella prima giornata del torneo, Ruud ha sconfitto l’americano Reilly Opelka con il punteggio di 6-3 7-6, Berrettini ha avuto la meglio di Félix Auger-Aliassime per 6-7 7-5 10-8 e Rublev ha battuto Diego Schwartzman 4-6 6-3 11-9.

Infine, il match di doppio ha invece premiato il Team World, con la coppia formata da Denis Shapovalov e John Isner che ha superato Berrettini e Zverev per 4-6 7-6 10-1. Al termine del suo match di singolare, come pubblicato anche dal sito Punto de Break, Matteo ha dichiarato: “Sentivo che era una partita piuttosto difficile.

Félix ha giocato davvero bene senza regalarmi assolutamente nulla. Ho sentito un’energia del tutto diversa. Non stavo giocando solo per me stesso, ma per un’intera squadra che non ha mai cessato di fare il tifo per me in alcun momento dell’incontro.

È stata un’esperienza incredibile e spero di essere in grado di disputare una partita in più”. Finalista quest’anno a Wimbledon, Berrettini ha sconfitto Jeremy Chardy, Corentin Moutet, Ilya Ivashka e Oscar Otte prima di perdere contro il numero uno del mondo Novak Djokovic agli Us Open, torneo dove ha già raggiunto una semifinale un paio di anni fa.

Il tennista romano occupa attualmente la 7° posizione della classifica mondiale, suo best ranking. Il suo ultimo successo sul tour è arrivato la scorsa estate, quando ha sollevato il trofeo del Queen’s. Photo Credit: SuperTennis