Monfils difende il tennis francese: “Quanti sognano di essere come noi?”



by   |  LETTURE 3056

Monfils difende il tennis francese: “Quanti sognano di essere come noi?”

Non un periodo particolarmente felice per il tennis transalpino, che non conosce un campione del Grand Slam ormai dal trionfo di Yannick Noah al Roland Garros nel lontano 1983. Al momento attuale, sono comunque ben undici i giocatori francesi presenti nella top 100 del ranking ATP: Gael Monfils (20°), Ugo Humbert (26°), Adrian Mannarino (43°), Benoit Paire (53°), Benjamin Bonzi (61°), Jeremy Chardy (73°), Arthur Rinderknech (74°), Richard Gasquet (81°), Corentin Moutet (91°), Gilles Simon (99°) e Pierre-Hugues Herbert (100°).

Monfils: “Torneremo presto”

A prendere le difese del tennis transalpino è stato dunque il veterano Gael Monfils, classe 1986 e originario di Parigi, ex numero 6 del mondo e semifinalista al Roland Garros ed agli Us Open.

Monfils ha vinto dieci titoli del circuito maggiore, tra cui gli eventi ATP 500 di Washington e Rotterdam (quest’ultimo in due edizioni consecutive). Nell’intervista rilasciata anche dal sito web We Love Tennis, Gael ha detto: “Dobbiamo finirla con questa storia di zero francesi nelle fasi finali dei tornei.

I giocatori che hanno perso queste partite ne erano i favoriti? Non sono sicuro. Trovo difficile puntare il dito su questo. È già abbastanza difficile perdere. Tutti cercano di vincere, non cerchiamo di perdere apposta.

Sì, è possibile che in queste settimane non ci stiamo esibendo alla grande. Sì, potrebbe andare meglio la prossima settimana. Sì, quest’anno è stato complicato nei tornei del Grand Slam.

Ma questo non è fine a se stesso. Quanti Paesi sognerebbero di avere tanti giocatori quanto noi in classifica? Siamo una grande nazione del tennis, anche se ogni tanto diventa un po’ più complicato. Non dobbiamo montarci troppo quando vinciamo né dobbiamo puntare il dito quando perdiamo.

È doloroso e speriamo che passi in fretta. Il periodo è stato complicato, ma torneremo”. Monfils ha sconfitto Federico Coria e Steve Johnson agli Us Open, prima di perdere nel terzo match contro il nostro Jannik Sinner al quinto set. Photo Credit: Us Open