Pietrangeli: "Una notte ho portato a letto anche la Davis"



by   |  LETTURE 1802

Pietrangeli: "Una notte ho portato a letto anche la Davis"

Nicola Pietrangeli è stato uno dei più grandi giocatori della storia del tennis italiano. L’ex numero tre del mondo ha vinto ben due volte il Roland Garros: la prima nel 1959 contro Ian Vermaak, la seconda nel 1960 contro Luis Ayala.

Pietrangeli ha ricordato proprio alcune delle più belle vittorie della sua carriera, sia quelle da giocatore che da capitano di Coppa Davis, in un’intervista esclusiva al quotidiano “Libero” . In particolare.

l'Italia riuscì a conquistare la storica manifestazione a squadre nel 1976 contro il Cile in un clima poco serene e fortemente condizionato dal regime di Pinochet.

Pietrangeli: "Fummo costretti a tornare in Italia quasi di nascosto"

"Nel 1976 ero il capitano non giocatore della squadra di Davis e arrivammo alla finale con il Cile.

Mezza Italia non voleva che andassimo a giocarla perché a Santiago c’era il regime di Pinochet. Era tutto politicizzato, la sinistra vedeva la finale dal punto di vista ideologico e voleva boicottarla. Pensai: siamo pazzi? Rinunciamo a vincerla? Mi sono battuto come un leone contro tutti i politici ipocriti, di sinistra e non solo.

Alla fine mi diedero retta e andammo. Vincemmo la nostra prima e ultima Davis, i giocatori in campo, io fuori. Ma fummo costretti a tornare in Italia quasi di nascosto, protetti dai carabinieri. Ricevetti anche due minacce di morte, avevo la polizia sotto casa.

Coppa a letto? Accadde dopo una festa a Roma, con Giulio Andreotti presente, salito frettolosamente sul carro dei vincitori: tutti se ne andarono a dormire e il servizio d’ordine lasciò lì la coppa. Nessuno se la filava.

Così, per paura che la rubassero, la portai a casa, la misi sul letto. C’è una foto con il sottoscritto, la coppa e il mio gatto che ci dorme dentro" . Pietrangeli si è poi soffermato sul futuro del tennis maschile italiano.

"Sinner ha solo 20 anni. Ha il mondo davanti e arriverà entro l’anno nei primi 10. Berrettini con quel servizio può vincere uno Slam. Non sulla terra battuta, però" .