Sakkari fiduciosa: “I sacrifici di una vita iniziano a dare i loro frutti”



by   |  LETTURE 1788

Sakkari fiduciosa: “I sacrifici di una vita iniziano a dare i loro frutti”

L’ascesa di Maria Sakkari negli ultimi anni è stata progressiva e costante. Vittoriosa nel suo unico titolo WTA in carriera nel 2019, la giocatrice ventiseienne nata ad Atene ha raggiunto le sue prime semifinali in un evento del Grand Slam al Roland Garros e agli Us Open della presente stagione, in cui ha toccato la 13° posizione della classifica femminile (suo attuale best ranking).

A New York, Maria ha sconfitto qualche settimana fa Marta Kostyuk, Katerina Siniakova, Petra Kvitova, Bianca Andreescu e Karolina Pliskova prima di perdere contro la rivelazione del torneo Emma Raducanu, con il punteggio di 6-1 6-4.

Sakkari guarda al futuro

Parlando con Tennis.com, la greca ha parlato dei suoi recenti miglioramenti: “Mi trovo nel momento migliore della mia carriera, sono molto più matura di prima e credo che sia arrivato il mio momento di vivere un’esplosione totale.

Non ero una star quando avevo 18 o 19 anni e il mio percorso è sempre stato una maratona, non uno sprint. Continuerò a lottare per migliorare, per dare tutto come ho fatto fino ad ora, perché sento che tutti i sacrifici fatti nel corso della mia vita stanno dando adesso i loro frutti”.

Sakkari aveva disputato la sua prima finale sul circuito maggiore a San Jose nel 2018, quando venne fermata nettamente dalla romena Mihaela Buzarnescu per 6-1 6-0. Nessun’altra giocatrice greca è attualmente presente in top 100: la seconda dopo Sakkari è Valentini Grammatikopoulou, al 187° gradino del ranking.

Presente questa estate alle Olimpiadi di Tokyo, Sakkari ha perso al terzo turno contro Elina Svitolina in rimonta al terzo set. Maria ha preso parte anche al tabellone di doppio misto assieme a Stefanos Tsitsipas, ma i due sono stati fermati dagli australiani Ashleigh Barty e John Peers col punteggio di 6-4 4-6 10-6.

Tsitsipas non è andato oltre il terzo match agli ultimi Us Open, sorpreso dal giovanissimo Carlos Alcaraz in una maratona terminata solo al quinto parziale. L'evento è stato infine conquistato da Daniil Medvedev, che ha impedito a Novak Djokovic di completare il Grand Slam. Photo Credit: SuperTennis