Anche Jurgen Klopp esalta Emma Raducanu: “È il talento del secolo”



by   |  LETTURE 2175

Anche Jurgen Klopp esalta Emma Raducanu: “È il talento del secolo”

All’inizio di quest’anno, nella settimana del 4 gennaio 2021, la giovanissima Emma Raducanu occupava la 345° posizione del ranking mondiale WTA. Disponendo di una classifica così bassa, Emma ha avuto la possibilità di partecipare al tabellone principale del torneo di Wimbledon – per la prima volta nella sua brevissima carriera – esclusivamente tramite una preziosa wildcard, che le ha permesso di battere Vitalia Diatchenko, Marketa Vondrousova e Sorana Cirstea, prima di ritirarsi negli ottavi di finale contro Alja Tomljanovic.

Grazie a questo risultato, Raducanu ha compiuto un balzo di oltre 150 posizioni ed è arrivata a toccare il 179° gradino della classifica mondiale. Dopo un paio di risultati non così esaltanti nel corso dell’estate e la finale persa a Chicago contro Clara Tauson, la giocatrice britannica si è presentata alle qualificazioni degli Us Open, dove ha superato senza problemi Bibiane Schoofs, Mariam Bolkvadze e Mayar Sherif.

Approdata al tabellone principale, Emma ha completato la sua incredibile corsa, che l’ha portata a sconfiggere anche Stefanie Voegele, Shuai Zhang, Sara Sorribes Tormo, Shelby Rogers, Belinda Bencic, Maria Sakkari e Leylah Fernandez in finale, andando così a conquistare il suo primo titolo del Grand Slam.

Nelle ultime classifiche rilasciate dalla WTA, Emma occupa oggi la 23° posizione.

L’elogio di Klopp

Grazie a questo successo, la campionessa nata a Toronto è diventata la prima giocatrice proveniente dalle qualificazioni a trionfare in un evento Major, oltre ad essere la prima britannica capace di conquistare un torneo del Grand Slam dai tempi di Virginia Wade negli anni ’70.

Parlando di lei, il tedesco Jurgen Klopp – attuale allenatore del Liverpool Football Club – l’ha definita “il talento del secolo”, aggiungendo: “D’ora in poi inizierò a seguire molto di più il tennis femminile”.

Il successo di Flushing Meadows ha anche proiettato Emma al 14° posto dell’importante Race to Shenzhen, valevole per la qualificazione alle WTA Finals (al via quest’anno, però, in Messico). Photo Credit: Open