L’allenatore di Emma Raducanu racconta la grande forza mentale della sua atleta



by   |  LETTURE 3757

L’allenatore di Emma Raducanu racconta la grande forza mentale della sua atleta

Agli Us Open 2021 Emma Raducanu ha vissuto un’autentica cavalcata trionfale di due settimane, riuscendo nell’impresa di arrivare fino in fondo e aggiudicarsi il titolo dell’ultimo Slam della stagione. La ragazza inglese ha sorpreso tutti con le sue prestazioni, e forse anche se stessa, e ha portato a termine un sogno alla sola età di 18 anni.

In finale aveva dovuto fare i conti con una sua coetanea, nonché amica, Leylah Fernandez, che però non ha impensierito la vittoria della nativa di Toronto per la forma non al top, a causa soprattutto di un tabellone più ostico a livello di giocatrici affrontate.

Nel raggiungere questi traguardi importanti, è necessario avere sempre una solida condizione psicofisica, un aspetto che non ha mai abbandonato nel corso della competizione newyorkese la tennista classe 2002, bravissima a non concedere nemmeno un set alle sue avversarie in tutto il torneo, partendo addirittura dalle qualificazioni.

Parla il coach di Raducanu

Il suo allenatore Andrew Richardson è stato intervistato dalla BBC proprio sull’evoluzione nella seconda parte di annata della sua atleta, che aveva raggiunto gli ottavi di finale a Wimbledon prima di approdare in America per i tornei sul cemento.

Sul futuro, ha dichiarato: “Non abbiamo ancora avuto alcuna conversazione al riguardo. Sono sicuro che quando torneremo in Inghilterra, ci siederemo e valuteremo i piani, quindi vedremo. Momenti come questo non accadono tutti i giorni, quindi me li godrò, come sicuramente farà lei” ha rimarcato il tecnico britannico.

“Dal mio punto di vista la grande forza di Emma è la sua mentalità. Sono uno di quelli che credono che tutto inizi nella testa. Ha mostrato una grande forza durante questo viaggio, un'enorme resilienza" ha aggiunto.

Poi ha concluso: "La sua capacità di affrontare le avversità e di competere è sempre il fulcro da cui tutto parte. La conosco da quando era molto giovane e lo ha sempre dimostrato. La mentalità di Emma non può essere allenata.

Gran parte di essa è colpa dei suoi genitori. Gran parte del riconoscimento è dovuto a loro. La sua forza è davvero speciale.