Roberta Vinci ricorda l'incredibile vittoria contro S.Williams agli US Open 2015



by   |  LETTURE 4567

Roberta Vinci ricorda l'incredibile vittoria contro S.Williams agli US Open 2015

Roberta Vinci è stata una delle migliori tenniste italiane della storia. Numero uno in doppio, categoria in cui ha conquistato il Career Grand Slam in coppia con Sara Errani, e numero sette in singolare. Una carriera ricca di successi e soddisfazioni, una carriera che nessuno dimenticherà mai.

L’ex tennista italiana verrà ricordata sempre come la giocatrice che ha scritto la parola fine al sogno Grande Slam di Serena Williams in una partita che ancora oggi riecheggia negli annali.

Vinci: "Le persone ricordano ancora quella partita "

Era l’11 settembre del 2015 e Serena Williams aveva perso solo due set in tutto il torneo: il primo contro Bethanie Mattek-Sands; il secondo con sua sorella Venus ai quarti di finale.

Tutti sembravano pronti per assistere all’ennesima prova di forza dell’americana, soprattuto dopo il primo set dominato e chiuso sul punteggio di 6-2; tutti tranne Roberta Vinci. L’azzurra non ha mai mollato e con una serie di fantastici lob, drop-shot e back corti ha abbattuto il castello di carta costruito dalla sua avversaria con il passare dei minuti.

A Serena non è bastato nemmeno andare in vantaggio nel terzo set, perché ormai Davide aveva capito di poter battere Golia e dare vita alla prima e, per il momento, unica finale Slam tutta italiana. A sei anni dalla incredibile impresa, la Vinci è tornata a parlare della sua straordinaria prestazione in un’intervista rilasciata al New York Times.

“Le persone ricordano ancora quella partita e io apprezzo davvero molto questa cosa” , ha spiegato l’attuale opinionista di Eurosport. “Quella è stata una delle vittorie più belle della mia carriera e vita sportiva.

Spesso mi chiedono: ‘Come sei riuscita a batterla? ‘ . Penso che l’ombra del Grande Slam, arrivati in quella fase del torneo, abbia messo un po’ di pressione e influenzato Serena. Se avesse vinto gli US Open, avrebbe ottenuto qualcosa di incredibile e questo ha finito per condizionarla.

Non pensavo di poter vincere, ma ho deciso di provarci, perché a volte accadono i miracoli. In alcuni momenti della partita ho immaginato che la giocatrice dall’altra parte della rete non fosse Serena Williams” .