Auger-Aliassime commenta il suo approdo in semifinale agli Us Open



by   |  LETTURE 4478

Auger-Aliassime commenta il suo approdo in semifinale agli Us Open

Le prestazioni di Felix Auger-Aliassime non sono più una sorpresa per appassionati e addetti ai lavori, date le sue grandi abilità dimostrate nel corso della stagione americana sul cemento, che lo hanno portato a conquistare un’incredibile semifinale agli Us Open, ultimo torneo Slam della stagione 2021.

Questa volta, al canadese è stato sufficiente giocare un set e mezzo per il passaggio del turno: il suo avversario, il talentuoso spagnolo Carlos Alcaraz, che si è messo in mostra nei giorni scorsi per il successo ottenuto con la testa di serie numero 3 del seeding Stefanos Tsitsipas, ha accusato un problema muscolare, dovendo poi dare forfait e ritirarsi.

Felix in conferenza stampa

Il numero 15 del mondo ha fatto diversi complimenti nell’intervista post-gara al 18enne iberico: "Ha disputato un fantastico torneo. Gli auguro il meglio per il futuro. Mi dispiace molto, perché mi aspettavo una dura battaglia dopo averlo visto giocare negli ultimi giorni.

È un peccato veder finire la sua partecipazione a questa competizione in questo modo. Lui è stato incredibile e ha praticamente fatto la storia. Può essere orgoglioso di se stesso. Io sono molto felice di essere in semifinale e di essere così vicino a poter lottare per il mio primo Grande Slam" ha dichiarato.

Momenti davvero sorprendenti per il tennis canadese, che vanta anche l’expolit a New York della 19enne Fernandez: "È incredibile quello che stiamo facendo. Siamo entrambi nati a Montreal. Non avrei mai pensato che sarebbe arrivato un giorno come questo.

È fantastico che due giocatori nati nello stesso posto, allo stesso tempo, possano accedere a una semifinale degli Us Open. Sarebbe fantastico se entrambi puntassimo di più e fossimo in finale”. La maturità di Felix: “Sono diventato impaziente in certi momenti quest'anno o lo scorso.

Penso di aver avuto sconfitte di cui sono rimasto molto deluso, sia ai Grand Slam che ai Masters 1000. Penso di aver appena imparato ad accettarlo e a cercare di rimanere motivato. Spero di continuare a fare la storia e avanzare verso la lotta per il titolo” ha aggiunto.

Prossima sfida col russo Daniil Medvedev, testa di serie numero 2: "Ci siamo incontrati solo una volta, a Toronto nel 2018. Già lì era un grande giocatore. Ho avuto le mie possibilità, ma alla fine lui ne è uscito vittorioso.

È una situazione molto diversa rispetto a ora. So che entrerà con molta fiducia e che dovrò intensificare e avere fiducia in me stesso. Devo servire bene e fare una buona partita. Devo essere pronto per questa partita, perché sarà dura" ha concluso.