Edberg su Berrettini: "Avrà ancora tante possibilità per brillare"



by   |  LETTURE 10329

Edberg su Berrettini: "Avrà ancora tante possibilità per brillare"

Matteo Berrettini non ha vissuto uno degli esordi più semplici della sua carriera agli US Open, ma ha comunque trovato il modo per chiudere la disputa in tre set e passare al turno successivo senza disperdere troppe energie. Jeremy Chardy ha disputato un’ottima partita, e questo non fa altro che sottolineare la grande crescita del tennista italiano, che nei momenti importanti ha fatto la differenza e imposto il suo ritmo agli scambi.

L’impressione è che la finale raggiunta a Wimbledon abbia fatto compiere a Berrettini un ulteriore salto di qualità. “Il livello di consapevolezza dei miei mezzi raggiunto a Wimbledon non si perde, è ancora lì, bello scolpito dentro di me.

Sono un finalista Slam, punto. Poi c’è la sicurezza che si costruisce match dopo match: quello è un cantiere sempre aperto" , aveva d’altronde raccontato il romano qualche giorno fa.

Edberg: "Berrettini avrà ancora tante possibilità"

A parlare del talento e della dedizione di Berrettini, ci ha pensato questa volta l’ex numero uno del mondo Stefan Edberg, che in carriera ha vinto ben sei tornei del Grande Slam.

“Matteo gioca un buonissimo tennis, è molto solido" , ha dichiarato Edberg in un'intervista esclusiva al Corriere dello Sport. "La finale di Wimbledon è stato un risultato prestigioso. Credo che avrà ancora tante possibilità per brillare nei più importanti tornei del circuito.

Cosa mi piace dell'Italia? Il cibo. Adoro la pasta. Soprattutto la pasta al pomodoro. Io credo che il cibo italiano sia eccezionale ma va gustato direttamente in Italia. Ma non solo buona cucina, mi piace la cultura italiana, è un Paese con tante eccellenze" .

Edberg si è infine soffermato sulla figura del mental coach. "Rispetto alla mia generazione, adesso è molto comune avere un mental coach. Oggi, nel tennis, ci sono tanti fattori importanti, come l'allenamento, la nutrizione, il recupero fisico e, soprattutto, l'aspetto mentale. Per alcuni, il mental coach è una figura determinante ma ci devi credere" .