Seppi: "Queste partite sono il motivo per cui gioco ancora"



by   |  LETTURE 5273

Seppi: "Queste partite sono il motivo per cui gioco ancora"

Andreas Seppi ha compiuta l’ennesima impresa della sua carriera al primo turno degli US Open. Il tennista italiano, nonostante l’età e i continui problemi fisici, sta continuando ad allenarsi con dedizione e impegno giorno dopo giorno.

La vittoria maturata al tie-break del quinto set dopo aver annullato ben cinque match point, restituisce ad Andreas parte di quei sacrifici che lo hanno reso uno dei tennisti da seguire con attenzione se si vuole intraprendere qualsiasi percorso sportivo.

L’esultanza al termine della partita vinta contro Marton Fucsovics ha emozionato tutti gli appassionati e resterà per sempre impressa nella storia del tennis tricolore.

Seppi: "Questo è il motivo per cui gioco ancora a tennis"

"È troppo bello vincere una partita in questo modo.

Questo è il motivo per cui, alla mia età, gioco ancora e lavoro duramente. Vincere questi match ti dà la forza per andare avanti e per continuare ad allenarti. Forse il livello non è stato alto come in altre mie partite, ma dal punto di vista delle emozioni è una delle più belle vittorie" , ha detto Seppi in conferenza stampa.

"Certo, la vittoria contro Roger Federer agli Australian Open resta al primo posto, ma moralemente questo incontro è stato incredibile. Avrei potuto fare meglio su alcuni match point. Non si finisce mai di imparare anche a 37 anni" .

Al secondo turno, Seppi troverà dall'altra parte della rete Hubert Hurkacz. Il polacco sta disputando sicuramente la stagione migliore della sua carriera; una stagione che lo ha visto vincere il Masters 1000 di Miami e raggiungere la sua prima semifinale Slam a Wimbledon.

Proprio sui prati dell'All England Club, Hurkacz si è tolto la soddisfazione di battere in tre set Roger Federer. A fermare il suo cammino londinese ci ha pensato un altro giocatore italiano, ovvero Matteo Berrettini.

La speranza è che Seppi riesca a recuperare dal punto di vista fisico dopo le fatiche dell'esordio e ripetere la prestazione messa a segno da Berrettini lo scorso 9 luglio. "Sarà difficile recuperare in fretta dopo questa battaglia, ma cercherò di farmi trovare pronto per giovedì” , ha così concluso il suo intervento Seppi.