Coco Gauff: “Ecco da dove ricavo la mia energia”



by   |  LETTURE 5078

Coco Gauff: “Ecco da dove ricavo la mia energia”

La giovanissima Coco Gauff, classe 2004, ha disputato un’unica edizione del WTA 1000 di Cincinnati: quella dello scorso anno, in cui ha perso nella prima partita contro Maria Sakkari con il netto punteggio di 6-1 6-3.

Assente ai Giochi Olimpici di Tokyo a causa della sua positività al Coronavirus, Cori è tornata a competere a Montreal, in Canada, dove è stata fermata in due set dalla nostra Camila Giorgi nei quarti di finale.

Gauff: “È stimolante”

Presente nel tabellone di singolare e doppio dell’appuntamento di Cincinnati (dove farà coppia con la connazionale Caty McNally), Gauff ha parlato della possibilità di sfidare la giapponese Naomi Osaka già al secondo turno, sempre che riesca a superare innanzitutto Su-wei Hsieh nel primo match: “A questo non ho pensato, ma non nego che mi piaccia giocare contro le dieci migliori tenniste del mondo a causa dell’attenzione che tutto ciò genera.

Amo che la gente parli di me e percepire che genero una certa aspettativa nei tornei non mi mette pressione, piuttosto mi conferisce energia”. Coco ha disputato i quarti di finale all’ultimo Roland Garros, dove è stata fermata dalla futura campionessa Barbora Krejcikova in due parziali.

Oggi al 24° gradino del ranking WTA, Gauff è la quarta giocatrice americana in classifica: la precedono solo Sofia Kenin (4°), Jennifer Brady (14°) e la ben più esperta fuoriclasse Serena Williams (20°).

Coco ha conquistato tre titoli anche in doppio, specialità in cui ha raggiunto tra l’altro due volte i quarti di finale agli Australian Open di Melbourne. Per quanto riguarda la Osaka, la giapponese è reduce dalla cocente delusione patita a Tokyo, dove non è riuscita a superare il terzo turno.

Naomi ha deciso di saltare l’appuntamento di Wimbledon dopo il ritiro dal torneo del Roland Garros, a causa dei suoi scontri con la stampa. La campionessa nipponica, ex numero uno del mondo, occupa oggi la 2° posizione del ranking. Photo Credit: SportFace