Le dichiarazioni di Medvedev dopo la vittoria contro Hurkacz



by   |  LETTURE 3696

Le dichiarazioni di Medvedev dopo la vittoria contro Hurkacz

A poco più di un mese dalla sconfitta subita agli ottavi di finale di Wimbledon, Daniil Medvedev si è preso la sua personale rivincita contro Hubert Hurkacz al Masters 1000 di Toronto. Il tennista russo ha subito l’esplosività dei colpi del suo avversario nel primo set, ma ha poi trovato il modo di rientrare in partita e imporre il suo ritmo agli scambi.

Il numero due del mondo ha giocato il suo miglior tennis nei momenti importanti e ha chiuso il match vincendo due pesantissimi tie-break.

Le dichiarazioni di Medvedev dopo la vittoria contro Hurkacz

"E' stata una partita davvero complicata.

Molto simile a quella che abbiamo giocato a Wimbledon, dove regnava l'equilibrio e la partita poteva essere vinta da chiunque. Ho ancora nella testa alcuni punti persi a Londra, ma ormai è passato" , ha spiegato il russo in conferenza stampa.

"Hurkacz è andato vicino alla vittoria, ma sono riuscito a cambiare il destino della partita. Sono contento per la vittoria e per essere ancora in gara nel torneo. Punti importanti? Dipende tutto dal tempismo e dall'avversario.

Anche Hurkacz era molto motivato. Il pubblico stava letteralmente impazzendo per la partita che stava guardando. Ho cercato di controllare i miei nervi e di non lasciare che lo stress mi condizionasse. Sappiamo tutti che Hubert è un giocatore fantastico.

Oltre a questo, è anche un ragazzo molto simpatico. Se gioca così e ha un po' più di fortuna, ci ritroveremo nelle fasi finali di tornei importanti" . Medvedev affronterà in semifinale John Isner, che sta sfruttando nel migliore dei modi il suo incredibile servizio.

"È complicato giocare contro di lui" , ha spiegato Medvedev analizzando la sua prossima sfida. "Ricordo una partita giocata contro Isner all'ATP Cup, dove sono riuscito a brekkarlo cinque volte. È stato incredibile, ma so che questa cosa potrà succedere una o due volte al massimo. Adesso in semifinale sfiderò Isner e ad essere sincero, non so come affronterò quella partita " .