Shapovalov torna sulla semifinale persa contro Djokovic a Wimbledon



by   |  LETTURE 5305

Shapovalov torna sulla semifinale persa contro Djokovic a Wimbledon

Denis Shapovalov ha raggiunto per la prima volta le semifinali in un torneo del Grande Slam a Wimbledon. A fermare il sogno del canadese ci ha pensato Novak Djokovic, che ha poi vinto il torneo e raggiunto Roger Federer e Rafael Nadal a quota 20 Major.

Dopo l’incredibile cammino registrato sui prati dell'All England Club, Shapovalov ha giocato una sola partita al torneo ATP 250 di Gstaad e rimediato una brutta sconfitta contro Vit Kopriva. L'attuale numero 10 del mondo tornerà finalmente in campo al Masters 1000 di Toronto, uno dei tornei a cui è più legato.

Shapovalov torna sulla semifinale persa a Wimbledon contro Djokovic

“Sono molto emozionato per quello che ho fatto. La mia stagione è ottima per il momento" , ha detto Shapovalov nel corso del Media Day del National Bank Open.

"Sento di essere migliorato molto e di aver alzato il mio livello negli ultimi mesi. A Wimbledon l'ho confermato giocando un grande tennis e sfiorando la finale. Ho molta fiducia in me stesso ora. Sento che in questo momento posso competere contro chiunque su qualsiasi superficie.

Sento che sto diventando una grande minaccia per tutti. Questo è qualcosa di molto positivo per me, senza alcun dubbio. Spero di continuare con questa buona dinamica di risultati. Ho dimostrato a tutti che posso giocare contro qualsiasi giocatore.

Ho fatto una grande partita contro Djokovic. Pensavo di poter raggiungere la finale e persino di vincere il titolo, ma davanti a me avevo un giocatore della statura di Djokovic. Nole, sebbene non giochi sempre al suo livello migliore,.può sempre vincere la partita perché ha quell'aura dei grandi campioni.

Lacrime? Erano dovute alla sensazione di aver giocato una partita così combattuta, persa a causa di piccoli dettagli. Dopo quel torneo, ho sofferto per almeno un paio di settimane. Ho lasciato il campo piangendo in quella occasione, ero inconsolabile perché avevo un sacco di cose che mi passavano per la testa" . Photo Credit: AFP via Getty Images