Cori Gauff racconta la sua esperienza con il Covid-19



by   |  LETTURE 3332

Cori Gauff racconta la sua esperienza con il Covid-19

La giovane promessa del tennis americano Cori Gauff è stata costretta a saltare le Olimpiadi di Tokyo dopo essere risultata positiva al Covid-19 a pochi giorni dall’inizio del torneo. Al termine del match d’esibizione giocato contro Victoria Azarenka a Washington, la giocatrice classe 2004 ha parlato della sua esperienza con il virus e dei suoi prossimi impegni in conferenza stampa.

Gauff racconta la sua esperienza con il Covid

"Purtroppo avevo programmato di ricevere il vaccino la stessa settimana in cui sono risultata positiva al Covid-19. A causa delle circostanze e della positività non ho potuto ancora farlo, ma lo farò quando i dottori mi diranno di farlo" , ha dichiarato la giocatrice americana.

"Non sono riuscita a fare il vaccino prima a causa degli spostamenti e dell'attesa tra una dose e l'altra. A Charleston, mio ​​padre si è vaccinato, ma io non potuto perchè ho meno di 18 anni.

In teoria avrei dovuto sottopormi alla prima dose a pochi giorni dalla partenza verso Tokyo,per poi ricevere la seconda dopo le Olimpiadi. Una volta contratto il virus sono restata a casa e ho iniziato a fare esercizi fisici, ho passato molto tempo nuotando e facendo cose per non annoiarmi.

Dopo essere uscita di casa mi sono allenata due volte al giorno , preparandomi a fondo per il mio ritorno in campo, e penso di essere pronta per lo swing americano. La delusione per non aver partecipato alle Olimpiadi è tanta.

Ho parlato dei Giochi Olimpici praticamente dagli Australian Open, quando ho scoperto che avrei avuto la possibilità di far parte della squadra. Ma sono ancora molto giovane e spero di avere tante opportunità di unirmi al team americano per partecipare alle Olimpiadi.

Ora sono semplicemente felice di aver superato il virus senza troppi sintomi: ero praticamente asintomatica , anche se non ho ancora recuperato l'olfatto, ma oltre a questo sto davvero bene" .