La Bouchard incrocia le dita per il ritorno agli US Open



by   |  LETTURE 2824

La Bouchard incrocia le dita per il ritorno agli US Open

È un’annata particolarmente travagliata per la canadese Eugenie Bouchard, costretta a fermarsi ai box dal mese di marzo per un problema alla spalla destra, che ha necessitato di intervento chirurgico. La ventisettenne di Montréal, dopo la mancata qualificazione al tabellone principale degli Australian Open in febbraio, ha giocato un altro paio di tornei, tra cui il Guadalajara Open in Messico, dove ha perso in finale con la Sorribes Tormo.

Da quel momento, il problema alla spalla si è fatto sentire, ma la Bouchard ha deciso di proseguire la sua stagione sottoponendosi a dei trattamenti, i quali però non hanno prodotto gli effetti sperati. Al WTA di Monterrey, infatti, è arrivata una brutta sconfitta al primo turno contro la cinese Lin Zhu, pesante forse non nel risultato (5-7, 6-7) ma sicuramente dal punto di vista psicologico.

Da lì l’operazione e il lungo stop, che l’hanno fatta scivolare al 131esimo posto del ranking.

Bouchard: “Agli US Open come la Stephens, incrocio le dita”

Tuttavia, i problemi fisici adesso sembrano lasciare in pace la tennista canadese, che ora punta al ritorno in grande stile agli US Open.

La finalista di Wimbledon 2014, recentemente intervistata in uno show con Tennis Channel, ha infatti parlato del suo rientro in campo, usando una battuta per augurarsi buona fortuna citando la collega Sloane Stephens, che nel 2017 fu anche lei ospite della trasmissione per poi trionfare a Flushing Meadows.

“Sì, vedono com'è un vero lavoro e si rendono conto che il tennis è molto meglio”, ha dichiarato scherzando Eugenie Bouchard. “Certo, so che Sloane (Stephens) ha avuto quell'anno difficile e ha fatto un grande salto subito quando è tornata.

Incrociamo le dita che posso fare lo stesso”. A fine mese, precisamente il 30 agosto, prenderà il via il Grande Slam americano, che si concluderà il 12 settembre: l’ex numero 5 del mondo tenterà in tutti i modi di rifarsi, sperando che il destino non le riservi altri spiacevoli imprevisti.