Ruud vince anche il torneo di Kitzbuhel: "È davvero incredibile"



by   |  LETTURE 2523

Ruud vince anche il torneo di Kitzbuhel: "È davvero incredibile"

Casper Ruud come Andy Murray. Il tennista norvegese è riuscito ad eguagliare l’impresa compiuta dall’ex numero uno del mondo nel 2011 e ha vinto tre tornei in tre settimane consecutive. Dopo aver sollevato al cielo i trofei di Bastad e Gstaad, Ruud ha conquistato anche il torneo di Kitbuhel battendo in finale Pedro Martinez.

Lo spagnolo è riuscito a rientrare in partita nel secondo set, quando ha trovato il break decisivo nel decimo game. Nell’ultimo e decisivo set, Ruud ha assunto di nuovo il controllo del gioco e ha costruito le basi per l’undicesima vittoria di fila nelle battute iniziali.

Casper Ruud, tris da record: "È incredibile quello che ho fatto"

“Tutto il mio corpo sta tremando. È davvero incredibile quello che sono riuscito a fare” , ha detto il norvegese al termine della partita contro Martinez.

“Ero molto nervoso alla fine, sapevo per cosa stavo giocando. Vincere tre tornei di fila è qualcosa di speciale. È stato una giornata complicata per giocare una finale, perché è piovuto molto.

Sono davvero entusiasta e felice che queste tre settimane siano terminate, e che abbia vinto tre tornei su tre. Partita? È stata dura. Sapevamo che le condizioni climatiche sarebbero state incerte, quindi ci aspettavamo diverse pause.

È stata lunga e complicata. Quando siamo tornati in campo dopo la prima pausa, abbiamo disputato solo tre game. Poi ci siamo dovuti fermare di nuovo. È stato difficile, ho cercato di mantenere alta la concentrazione e fare del mio meglio.

Penso che Pedro abbia fatto lo stesso” . Ruud non disputerà tornei la prossima settimana e cercherà di recuperare al 100% dal punto di vista fisico per giocarsi le sue possibilità nel corso della stagione americana.

Il norvegese ha comunque sfruttato nel migliore dei modi il "breve" Tour sulla terra. Ricordiamo che questa serà si giocherà la finale del torneo ATP 250 di Atlanta tra John Isner e Brandon Nakashima.