Medvedev: “Se Carreño gioca come oggi può vincere la medaglia d'oro"



by   |  LETTURE 13101

Medvedev: “Se Carreño gioca come oggi può vincere la medaglia d'oro"

Dopo aver eliminato l’azzurro Fabio Fognini, per Daniil Medvedev arriva una sonora sconfitta contro il numero 11 del ranking Pablo Carreño Busta. La sua corsa alla medaglia ai Giochi Olimpici di Tokyo, dunque, finisce bruscamente per mano dello spagnolo, che lo ha battuto per 6-2, 7-6 e in semifinale troverà un altro russo: Karen Khachanov (vittorioso su Humbert).

Al termine dell’incontro, Medvedev è intervenuto ai microfoni dei giornalisti e, oltre a dirsi dispiaciuto per la prestazione e l’eliminazione dal torneo, ha espresso i suoi dubbi sulla possibilità che Carreño mantenga lo stesso livello di tennis nel turno successivo.

Medvedev: “Lo spagnolo non giocherà come oggi”

Il numero 2 del mondo ha esordito facendo comunque i complimenti al suo avversario: “È la seconda volta che perdo contro Pablo. Oggi non mi sentivo mai a mio agio.

Cerco sempre di mostrare il mio massimo livello, ma oggi era impossibile e Pablo ha dominato la partita dall'inizio alla fine. Nel tennis ci sono momenti in cui giochi meglio e altri peggio. Tuttavia, sento che nel secondo set ho avuto momenti di grande brillantezza.

Se Pablo giocherà allo stesso livello di quello che ha giocato oggi, potrebbe avere le sue chance di lottare per la medaglia d'oro in questi Giochi Olimpici”. Ha poi risposto sul forte spirito patriottico che genera giocare un’Olimpiade: “Questo è il primo torneo della mia vita in cui mi sono sentito davvero come se non stessi giocando per me stesso.

Non abbiamo premi in denaro qui e non vengono assegnati nemmeno punti. Per la prima volta mi sono sentito come se stessi giocando in un torneo giovanile. Non gioco per me, ma per il mio paese. È un peccato cadere a un passo dalla lotta per le medaglie.

Ora dovremo dimenticarcelo il prima possibile e pensare al Masters 1000 in Toronto. Non c'è altra opzione”. “Continuerò qui a fare il tifo per i miei compagni di squadra”, ha proseguito Medvedev.

“Non ha senso tornare in Europa, visto che tra pochi giorni devo andare in America. Non sarebbe un bene per me. Volerò da qui in Canada. Non so quando, probabilmente lunedì. Se non mi lasciano restare, allora volerò prima.

Non so se sarò in campo domani. Adesso mi riposerò e mi dedicherò a tifare per i nostri giocatori”. Infine, un parere sulle possibilità della Russia del tennis di conquistare una medaglia: “C'è la possibilità di vincere una medaglia nel doppio misto.

È chiaro che il misto è una modalità imprevedibile, ma Vesnina e Karatsev stanno giocando molto bene e si completano bene a vicenda. Non dimentichiamoci, poi, di Khachanov che avrà le sue possibilità contro Carreño, perché non credo che lo spagnolo giochi come oggi.

Ci sono possibilità di medaglia. L'oro è difficile perché c'è Djokovic, ma Karen potrebbe avere le sue possibilità”.