Le parole di Ashleigh Barty dopo aver raggiunto la semifinale di Wimbledon



by   |  LETTURE 8174

Le parole di Ashleigh Barty dopo aver raggiunto la semifinale di Wimbledon

La numero uno al mondo Ashleigh Barty sta finalmente riuscendo ad ottenere buoni risultati sull'erba di Wimbledon ed ha raggiunto le semifinali del torneo. A questo punto, dopo aver vinto il Roland Garros nel 2019, la tennista è alla ricerca del suo secondo Slam in carriera e con la 'carneficina' che ha visto protagonista le big, prima e durante il torneo, la Barty è una delle principali favorite del torneo.

In conferenza stampa dopo la vittoria arrivata in maniera netta e senza problemi con il risultato di 6-1;6-3 su Alja Tomljanovic, la numero uno al mondo ha parlato delle sue chance di vittoria ed ha analizzato il suo prossimo match, la sfida contro Angelique Kerber, tennista che ha vinto 3 titoli del Grande Slam e che ha conquistato il titolo a Wimbledon nel 2018.

Le parole di Barty in conferenza

Ashleigh Barty ha rilasciato così interessanti dichiarazioni: "Fin da inizio match era molto importante per me partire bene, ho cercato di mantenere un buon equilibrio in campo e di giocare liberamente.

Mi sento fortunata ad essere in lizza per la vittoria qui, dedicarmi al tennis è il sogno che ho da quando era bambina. Mi sembra una situazione spettacolare questa e posso dedicarmi completamente allo sport che amo.

Ovviamente nel tennis non c'è garanzia e certezza di nulla, bisogna imparare da ogni gara senza poter dare nulla per scontato. Attualmente cerco solo di concentrarmi sul presente e lavorare gara dopo gara. Sto imparando a giocare in maniera più rilassata e mi godo quello che trovo in campo, il tour sull'erba è stato duro ed estenuante ma ora qui sull'erba ho ritrovato le energie mentali giuste.

Kerber? È una grande sfida incontrarla, lei ha un record spettacolare in questo torneo, sta ottenendo grandi risultati e sa come si vince qui. Combatte su ogni palla ed ha l'esperienza necessaria per concepire situazioni estreme a loglelo mentali.

I nostri stilo sono diversi e lei sicuramente saprà reagire ai miei attacchi, dovrò applicare il mio tennis nel migliore dei modi. È bello giocare contro di lei la mia prima semifinale a Wimbledon"