Mouratoglou parla delle possibilità di ritiro di Serena Williams dopo Wimbledon



by   |  LETTURE 7722

Mouratoglou parla delle possibilità di ritiro di Serena Williams dopo Wimbledon

È stata una delle più brutte sorprese avute dagli appassionati di tennis in questo Wimbledon, a molti è rimasta impressa la caduta della leggendaria campionessa Serena Williams, crollata a terra dopo pochi game del primo turno di Wimbledon e costretto tra le lacrime al ritiro del torneo.

Era sul risultato di 3-3 contro la bielorussa Sasnovich e la caduta di Serena ha fatto subito temere il peggio, il cuore dei fan si è spezzato e tutti hanno pensato dolorosamente se questo poteva essere l'ultimo atto della carriera della tennista americana.

Mentre Serena lasciava il campo tutto il pubblico si è alzato in piedi per applaudire ed in conferenza stampa, insieme a suo marito, sua madre ed al suo coach Patrick Mouratoglou Serena aveva discusso riguardo questa situazione.

Quando tra le domande gli hanno però fatto notare che questo Wimbledon la vedeva addirittura tra le favorite Serena non è riuscita a reagire ed ha lasciato così la conferenza.

Le parole di Mouratoglou su Serena Williams

Il noto agente di Serena Williams, il 'famoso' nel panorama tennistico Patrick Mouratoglou ha discusso della possibilità che questo possa essere stato l'ultimo Wimbledon di Serena Williams.

In una carriera straordinaria e costellata da ben 23 titoli del Grande Slam Serena potrà essere ricordata come una delle più grandi (se non la più grande) tenniste della storia. Mouratoglou ha dichiarato: "Non penso che questo sia l"ultimo Wimbledon di Serena Williams ma non posso permettermi di rispondere al posto suo.

Quello che ha fatto lei nella sua carriera è incredibile, non so però se questo sia il suo ultimo Wimbledon, è una situazione che dipende da tante cose. Ovviamente siamo tutti consapevoli che Serena sì accinge verso la fine della sua carriera"

Serena Williams si è ritirata dalle Olimpiadi di Tokyo e riguardo il futuro Patrick ha dichiarato: "Considero che lei abbia le stesse chance sia agli Us Open che in quel di Wimbledon, credo che possa dire la sua anche negli Stati Uniti"