Stefanos Tsitsipas non ha paura della sfida con Daniil Medvedev



by   |  LETTURE 2885

Stefanos Tsitsipas non ha paura della sfida con Daniil Medvedev

Prima di quest’anno, il russo Daniil Medvedev non aveva mai vinto una partita al Roland Garros: aveva perso al primo turno ininterrottamente dal 2017 al 2020, uscendo anche con avversari ben inferiori rispetto a lui.

Nella presente edizione dello Slam francese, invece, Daniil ha superato Aleksandr Bublik, Tommy Paul, Reilly Opelka e Cristian Garin raggiungendo i quarti di finale, dove sfiderà adesso il numero 5 del mondo Stefanos Tsitsipas.

Il greco, reduce dal successo negli ottavi su Pablo Carreno Busta, dovrà difendere la semifinale dello scorso anno.

Tsitsipas: “Non importa chi ho davanti”

Il bilancio tra Medvedev e Tsitsipas recita 6-1 in favore del tennista di Mosca, con l’ultima sfida andata in scena nella semifinale degli Australian Open e vinta dal russo in tre set.

L’unica vittoria di Stefanos è arrivata alle ATP Finals 2019, con il punteggio di 7-6 6-4. “Credo che ogni incontro con lui sia stato un’esperienza di apprendimento”, ha detto Tsitsipas in conferenza stampa, come pubblicato anche dal sito web EssentiallySports.

Parlando del match disputato a Melbourne, l’ateniese ha commentato: “Ho avuto una grande partenza in cui non gli ho dato troppe possibilità per attaccare, non gli ho dato spazio per andare avanti. La mia performance è stata positiva, ero molto presente in ogni singolo game e, che fossi alla battuta oppure no, ero molto concentrato e le cose sono andate così”.

Infine, il campione di Monte Carlo 2021 ha dichiarato: “Naturalmente, se gioco bene, sento di non dovermi preoccupare di chi mi trovo di fronte. Devo solo fare il mio gioco e il resto si vedrà”. Nella classifica Race to Turin aggiornata, il nostro Matteo Berrettini è riuscito a superare di pochi punti il russo Aslan Karatsev, uscito al secondo turno del Roland Garros ed ora tallonato da Jannik Sinner, che dovrà vedersela ancora una volta con lo spagnolo Rafael Nadal.

Photo Credit: La Repubblica