Uno sconsolato Rublev commenta il ko a Parigi: "Sono stato sfortunato"



by   |  LETTURE 8951

Uno sconsolato Rublev commenta il ko a Parigi: "Sono stato sfortunato"

Dopo l'eliminazione di Dominic Thiem dell'altro giorno è arrivata a Parigi un'altra inattesa quanto clamorosa eliminazione, ovvero quella del russo Andrey Rublev, eliminato dopo una battaglia di cinque set contro l'ostico tedesco Jan Lennard Struff.

Tra gli addetti ai lavori in tanti avevano sottolineato il difficile primo turno del tennista che allo stesso tempo però non ha offerto il miglior tennis cadendo nella tela delle risposte aggressive dell'avversario.

Rublev commenta la sconfitta

Al termine del match il numero due russo è apparso abbastanza deluso ed ha commentato l'accaduto in conferenza: "Sono abbastanza deluso da questa sconfitta, avrei preferito completare la rimonta dopo i primi due set ma sono stato abbastanza sfortunato al quinto set.

Ha fatto un gran game quando mi ha fatto il break e non mi aspettavo si arrivasse a quel punto. Inoltre ha chiuso sempre nel migliore dei modi per annullare le mie chance e devo dire che mi sento molto sfortunato perché Struff è un tennista forte e beccarlo al primo turno non è affatto una buona cosa.

Lui è un grande tennista e sfidarlo al primo turno degli Slam non è mai una buona cosa" Rublev perde così punti visto che lo scorso anno raggiunse i Quarti di finale a Parigi. Inoltre cade un potenziale ostico avversario per Rafael Nadal visto che i due potevano sfidarsi ai Quarti di finale e Rublev ha battuto quest'anno il campione iberico sulla terra di Monte Carlo: "In fondo mi sentivo bene, mi allenavo ad alto livello e non credo che il mio gioco sia stato male.

La chiave è stata perdere il tiebreak del secondo set, se avessi vinto li, le cose sarebbero cambiare e di molto, a mio parere. Futuro? Non ho alcuna idea di cosa farò adesso, non era nei miei piani perdere al primo turno del Roland Garros ed adesso non so cosa fare"

È stato spesso sottolineato di come il russo non fosse a suo agio sulla terra battuta ma negli ultimi tempi le cose sembravano davvero cambiate.