Le dichiarazioni di Musetti dopo la semifinale conquistata a Lione



by   |  LETTURE 3306

Le dichiarazioni di Musetti dopo la semifinale conquistata a Lione

È arrivata un’altra prova di maturità per Lorenzo Musetti. Il giovane tennista italiano ha conquistato le semifinali del torneo ATP 250 di Lione battendo in due set il solido Aljaz Bedene. Nel primo parziale, Musetti non ha concesso nemmeno un’occasione al suo avversario al servizio ed è stato bravo a trovare il break decisivo nel sesto game.

Nella seconda frazione di gioco, invece, a partire bene è stato Bedene che si è portato rapidamente sul 3-0. Proprio nel momento del bisogno, Musetti ha strappato il servizio allo sloveno due volte di fila, ma ha poi tremato nella parte finale dell’incontro e raggiunto il tie-break.

Tie-break che l’azzurro ha dominato dall’inizio alla fine giocando in maniera ineccepibile sia dal punto di vista tecnico che tattico.

Le parole di Musetti dopo la vittoria contro Bedene

“È stato un finale folle.

Ero sopra 6-5 e sul 30-30 ho giocato una bruttissima volèe e servito dal basso. Qualche volta vado fuori di testa” , ha spiegato Musetti dopo l’importante vittoria. “Ma sono davvero orgoglioso di me stesso; del modo in cui sono rimasto concentrato quando ero sotto 2-5 nel secondo set.

Ho provato a giocare ogni punto al massimo delle mie possibilità. Nei prossimi incontri cercherò di stare più attento” . Musetti affronterà in semifinale Stefanos Tsitsipas, che ha sconfitto in due set il giapponese Yoshihito Nishioka.

I due si sono sfidati una sola volta in carriera e anche in quell’occasione si trattava di una semifinale( Acapulco, ndr). Il greco vinse con il punteggio di 6-1, 6-3. “In semifinale non avrò niente da perdere e scenderò in campo per vincere.

Sto giocando bene e mi sento sempre meglio. Stefanos può essere molto pericoloso con il dritto, ma io farò la mia partita” . Musetti ha infine spiegato che lui e il suo team non hanno ancora preso una decisione definitiva sul torneo di Parma, che si disputerà la prossima settimana.