Le parole di Matteo Berrettini dopo l'accesso ai Quarti a Madrid



by   |  LETTURE 3967

Le parole di Matteo Berrettini dopo l'accesso ai Quarti a Madrid

Continua il momento d'oro del numero uno azzurro Matteo Berrettini. Rientrato dopo i problemi fisici che lo avevano fermato agli Australian Open il numero 10 al mondo è prima tornato al successo conquistando il Serbia Open (in casa di Djokovic) a Belgrado ed ora è tra i primi otto nel Masters 1000 di Madrid.

L'azzurro sta mostrando una continuità di rendimento e risultati che chiariscono il suo valore da top ten. Il calendario verso la finale ora non è impossibile e sia Matteo che tutti i suoi fan ora ci credono.

Agli Ottavi il tennista ha fermato l'ascesa di uno dei tennisti più in forma nel torneo, l'argentino Federico Delbonis, rivelazione fino a questo punto del torneo. Ai Quarti ci sarà un'altra sfida contro un terraiolo, Berrettini sfiderà il tennista cileno Christian Garin.

Matteo Berrettini al termine del match

Il tennista romano è apparso molto soddisfatto al termine del match ed ha chiarito così le sue impressioni:
"È stata sicuramente una vittoria di testa, il mio avversario ha giocato molto bene e devo dire che mi ha messo in difficoltà.

Sono stato bravo a restare concentrato dall'inizio alla fine e sopratutto nei momenti chiave della gara. Garin? Sarà una bella lotta, parliamo di un tennista che ha appena battuto Medvedev e noto che è ancora molto in fiducia.

Finora ci siamo incrociati due volte in carriera, una sulla terra ed una sul cemento (i precedenti sono 1 a 1 con il cileno che ha vinto il precedente sulla terra battute). Ora mi riposo ed a mente fresca penserò meglio a questa sfida"

L'azzurro ha commentato poi riguardo l'infortunio avuto ad inizio stagione: "Bisogna essere forti mentalmente, dopo 3 giorni dall'infortunio non riuscivo a voltarmi e sentivo che era dura. Fortunatamente le cose sono man mano migliorate"

Prima dell'infortunio Berrettini aveva iniziato la stagione nel migliore dei modi grazie ad un'ottima prestazione in Atp Cup e una buona prestazione con l'accesso agli Ottavi agli Australian Open (poi fu costretto al ritiro prima del match con Tsitsipas).