Zverev commenta la vittoria su Nishikori e spiega il motivo del suo successo



by   |  LETTURE 2566

Zverev commenta la vittoria su Nishikori e spiega il motivo del suo successo

Dopo la brutta sconfitta di Monaco Alexander Zverev inizia nel migliore dei modi il Mutua Madrid Open. Come primo match il tedesco aveva un avversario abbastanza insidioso, ma è riuscito a vincere su Kei Nishikori in maniera abbastanza agevole chiudendo con il risultato di 6-3;6-2.

Il nipponico recentemente era apparso sempre più in forma e sembrava essere ormai entrato a pieno nella sua corsa in terra battuta. Reduce da qualche difficoltà Zverev è apparso abbastanza ferrato ed in conferenza stampa ha parlato del scontro vinto con il suo avversario.

Le parole di Sascha Zverev

In conferenza stampa il numero uno tedesco e top ten ha rilasciato interessanti dichiarazioni:
"Nishikori è un tennista che ha spesso fatto bene qui a Madrid, ha raggiunto la finale in passato e, sempre sulla terra, già mi aveva battuto.

Sapevo che per essere un secondo turno era abbastanza dura, ma dovevo dare il massimo e ce l'ho fatta. Sono molto contento di questa prestazione e vedremo come andrà nei prossimi incontri" Riguardo l'inizio di stagione ancora complicato il tennista ha affermato: "Da quando sono stato eliminato a Monaco sapevo di dover lavorare sul mio servizio un po' di più, era qualcosa che non avevo fatto nell'ultimo mese e credo di aver sbagliato.

In questo match mi sentivo molto a mio agio con il servizio e credo sia stato fondamentale nell'aiutarmi alla vittoria. È stato un debutto molto bello e spero che il torneo continui in questo modo, il Mutua Madrid Open è insieme al torneo di Roma il torneo sulla terra battuta dove mi trovo meglio a giocare, ma bisogna vedere come evolveranno le cose nei prossimi match.

Ora è il momento di riposare un po' e lavorare per il prossimo match contro Evans, altra sfida molto impegnativa" Alexander Zverev si trova da una parte di tabellone molto dura visto che in caso di successo potrebbe pescare ai Quarti di finale la testa di serie numero uno del torneo e re della terra battuta Rafael Nadal, impegnato invece nel match contro l'australiano Popyrin.