Zapata Miralles commenta la squalifica di Fabio Fognini a Barcellona



by   |  LETTURE 18796

Zapata Miralles commenta la squalifica di Fabio Fognini a Barcellona

Fabio Fognini ha subito una clamorosa squalifica per “verbal abuse” al torneo ATP 500 di Barcellona nel corso del match di secondo turno contro Bernabe Zapata Miralles. L’accusa è quella di aver insultato il giudice di linea dopo il break di vantaggio perso nel secondo set.

“Sono davvero sorpreso di quello che mi è successo oggi. Tutti sanno il mio temperamento in campo, ho fatto tante cose nel corso della mia carriera, ho detto tante cose. Tuttavia, oggi stavo perdendo 6-0, 3-0 e non avevo detto quasi nulla, in maniera quasi sorprendente.

Sono sbalordito da quello che è stato deciso dall’ATP, dal giudice di sedia e dal supervisor. Ciò che mi hanno fatto oggi è inesplicabile, e posso garantire che andrò in fondo alla faccenda.Oggi ho pagato per qualcosa che non ho fatto.

Tante persone mi hanno fermato negli spogliatoi per chiedere cosa abbia effettivamente detto. Non voglio dire nulla che possa ritorcersi contro di me. Stavo cercando di combattere in campo e mi hanno tolto la possiblità di farlo“ .

Sono state queste le parole pronunciate da Fognini in conferenza stampa.

Le parole di Zapata Miralles sulla squalifica di Fognini

Un punto di vista interessante lo ha espresso anche Zapata Miralles, che ha assistito all’accaduto dalla parte opposta del campo.

“La partita presentava un livello di intensità molto impegnativo, anche dal punto di vista mentale. La verità è che ero dall’altra parte del campo e non sono riuscito a sentire nulla. Quando il giudice di sedia è entrato in campo, ho solo chiesto cosa fosse successo, non mi interessava sapere altro.

Ero concentrato sul mio lavoro e sulla partita. Il mio allenatore si trovava nella parte di campo di Fognini, ma nemmeno lui ha sentito niente. Non ho dato molta importanza all’accaduto. Avevo preparato molto bene la partita con il mio allenatore.

Ho avuto ottime sensazione a partire dal primo punto. Ho giocato in maniera aggressiva e ho commesso pochissimi errori. Sono stato perfetto nel primo set” .