Fabio Fognini parla della sua condizione fisica a Montecarlo e delle sue priorità



by   |  LETTURE 7012

Fabio Fognini parla della sua condizione fisica a Montecarlo e delle sue priorità

Il campione in carica del Masters 1000 di Montecarlo Fabio Fognini sta rispettando al massimo l'onore di difendere il titolo e senza particolari patemi si è qualificato per i Quarti di finale del torneo. La sconfitta di Marbella al primo turno, arrivata in maniera abbastanza netta, aveva preoccupato i suoi tifosi ma Fognini ha chiarito la situazione ed è apparso raggiante in vista dei prossimi impegni.

Ai Quarti di finale ci sarà una durissima sfida contro il giovane norvegese, sempre più in rampa di lancio, Casper Ruud, capace di annullare due match point al numero 12 al mondo Pablo Carreno Busta e di vincere una battaglia di quasi tre ore.

In caso di un eventuale vittoria sul tennista, figlio d'arte nordico, ci sarebbe una probabile semifinale contro il numero tre al mondo, e avversario di grandi sfide per Fabio, Rafael Nadal in un rematch di quello che accadde nell'ormai lontano 2019.

Dopo la vittoria un Fabio molto sereno e soddisfatto ha rilasciato interessanti dichiarazioni a Sky Sport dove ha trattato di vari temi, fra tutti quello della sua sconfitta arrivata a sorpresa la scorsa settimana a Marbella contro Jaume Munar e le sue aspettative future riguardo la nazionale italiana di tennis.

Le parole di Fabio Fognini nel post gara

Ecco le dichiarazioni dell'esperto campione ligure: "Sono stato sfortunato nella trasferta americana perché ho contratto il virus che mi ha messo ko. La mia idea, anche contrariamente a quello che mi diceva il mio staff, era di non andare a Marbella ed allenarmi intensamente per Montecarlo.

È andata così, sono di nuovo ai Quarti di finale e ora sono felice. Il mio obiettivo questa settimana era cambiare atteggiamento e avere una svolta mentale riuscendo a lottare e mostrando il mio gioco. Perché se sto bene il mio gioco resta"

Parlando degli obiettivi futuri con l'Italia Fabio ha dichiarato: "Sto diventando il più vecchio della squadra, poi Volandri dovrà fare le convocazioni. Io sono sempre disponibile, per fortuna so giocare ancora a tennis e credo che posso ancora dare una mano"