Sorpresa Alcaraz, le parole del giovane talento dopo la semifinale a Marbella



by   |  LETTURE 4868

Sorpresa Alcaraz, le parole del giovane talento dopo la semifinale a Marbella

È l'uomo del momento nel circuito tennistico, a soli 17 anni ha già raggiunto la semifinale in un torneo Atp, qui a Marbella, e tra media e social, non si fa altro che parlare del diciassettenne spagnolo Carlos Alcaraz, da sempre considerato tra i più promettenti del circuito.

Sono mesi che viene paragonato al suo connazionale Rafael Nadal, ma Carlos come dichiarato in questo torneo non vuole sentire ragioni e vuole continuare sulla sua strada. L'ultima gemma di Alcaraz è arrivata ai Quarti di finale del torneo di Marbella dove ha eliminato in due set, in un'ora e venti minuti, il norvegese Casper Ruud, tennista tra i più interessanti del circuito per quel che riguarda la terra battuta.

Per nulla intimorito Alcaraz è apparso in conferenza stampa in vista delle semifinali e sul giovane talento iberico c'è ormai grande attesa.

Le parole di Alcaraz in conferenza stampa

Il talentuoso spagnolo ha risposto con eleganza a tutte le domande dei giornalisti, sembrando quasi un veterano.

Ecco le sue parole: "Contro Ruud la mia più grande vittoria? Può essere anche se ricordo bene anche la mia gara a Melbourne contro Goffin. Nel match di questi Quarti mi sono sentito davvero a mio agio in campo, ho giocato davvero bene e l'ho fatto divertendomi, questo è fondamentale.

Sono contento di tutto, dell'ambiente, del mio livello di tennis e delle mie condizioni fisiche. Tutto è stato davvero spettacolare e mi sono sentito come se fossi a casa. Le grandi aspettative? Beh, ogni giorno mi alleno dal mattino, poi mangio e sto con la mia squadra, passo molto tempo con Pablo Carreno.

Andiamo molto d'accordo, ci piace giocare a scacchi e quando possiamo ci divertiamo a sfidarci. Non penso troppo a quello che dicono su di me, mi godo questo giorni a Marbella e solo prima della gara penso un po' alla sfida con il mio avversario preoccupandomi di analizzarla.

Munar simile a Ruud? In effetti sono molto più bravi con il diritto che con il rovescio, si, hanno un gioco simile. Mi aspetto una bella gara contro un grande avversario. Favorito per la vittoria qui a Marbella? Non lo so, io entro per dare il massimo, provo a divertirmi e a migliorare la mia crescita, il risultato al momento non è la mia priorità"