Tsitsipas e le parole su Lorenzo Sonego dopo la vittoria agli ottavi di finale



by   |  LETTURE 6640

Tsitsipas e le parole su Lorenzo Sonego dopo la vittoria agli ottavi di finale

Lorenzo Sonego non è riuscito a mettere in difficoltà Stefanos Tsitsipas e ha lasciato il Masters 1000 di Miami agli ottavi di finale. Nel primo set, il tennista greco ha dominato gli scambi e imposto il suo ritmo alla partita.

Sono stati due i break che hanno permesso al numero cinque del mondo di aggiudicarsi il parziale con il punteggio di 6-2. Nel secondo set, Sonego ha iniziato a servire meglio e a giocare con più solidità da fondo campo.

Nessuno dei due giocatori ha concesso palle break, ma nel tie-break Tsitsipas ha fatto valere il peso dei suoi colpi e chiuso la partita in due set.

Tsitsipas parla di Sonego dopo la vittoria agli ottavi di finale

“Sto giocando bene, mi sento bene e sto cercando di godermi questi momenti in campo” , ha spiegato Tsitsipas dopo aver guadagnato l’acceso ai quarti di finale del Miami Open.

“Sono contento del mio livello di gioco e del modo in cui sto affrontando le partite. Questa settimana, mi sento molto a mio agio con il mio gioco ed è importante trarre vantaggio da questa situazione. Ogni singolo avversario ha rappresentato una sfida diversa, ma sono riuscito a trovare soluzioni contro ognuno di loro.

È stato importante giocare una partita come questa( si riferisce al match con Sonego, ndr) . Sapevo che lui avrebbe alzato il suo livello di gioco nel secondo set. Quando sei sotto di un set, senti di non avere nulla da perdere.

Ha decisamente alzato il suo livello e migliorato il suo rendimento. È stato un avversario diverso nel secondo set, molto più difficile da fronteggiare rispetto al primo” . Ai quarti di finale, Tsitsipas affronterà Hubert Hurkacz, che ha sconfitto Denis Shapovalov e Milos Raonic nelle precedenti partite.

“Penso di aver servito molto bene” , ha detto il polacco dopo aver battuto Raonic. “Questo mi ha aiutato a restare in partita ed essere competitivo contro un giocatore del livello di Milos. Non puoi concedergli niente, soprattutto quando servi, perché è un tennista molto pericoloso.

Lo scorso anno, sono stato qui per più di cinque mesi. Mi sono quindi abituato alle temperature e alla condizioni; penso sia un vantaggio per me” .