Daniil Medvedev parla di quando potrebbe essere la data del suo ritiro



by   |  LETTURE 2079

Daniil Medvedev parla di quando potrebbe essere la data del suo ritiro

Dopo la sofferta vittoria contro Alexei Popyrin con un finale al cardiopalma coadiuvato da forti crampi, il tennista russo Daniil Medvedev, testa di serie numero uno del torneo, ha vinto senza particolari problemi contro Frances Tiafoe conquistando il pass per i Quarti di finale del Miami Open.

Per lui ora ci sarà un difficile impegno contro lo spagnolo Roberto Bautista, tennista molto insidioso e che già in passato lo ha battuto. In conferenza stampa Daniil ha parlato delle sue sensazioni e della prossima sfida che lo terrà impegnato per ottenere le semifinali.

Le parole di Medvedev in conferenza stampa

Daniil Medvedev ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in conferenza stampa: "Lo scorso anno ho terminato la stagione ad un livello altissimo ed ora la gente pensa e spera che io possa mantenere gli standard dello scorso finale di stagione.

Finora ho vinto Marsiglia e l'Atp Cup ed ho raggiunto la finale agli Australian Open, è stato un ottimo inizio di stagione e spero di poter continuare ancora su questa linea. Non penso che io stia andando oltre le aspettative, voglio che questa sia la normalità.

Come sto fisicamente? Sicuramente domani starò ancora meglio, oggi non ho accusato i crampi e sono stato bene per tutta la gara. Adesso ho tempo per riprendermi, posso dormire e posso prepararmi per quella che sicuramente sarà un'altra battaglia contro Roberto Bautista.

Dopo la sfida dell'altro giorno credo che l'aspetto mentale sia molto importante e spero che nel match contro lo spagnolo starò al 100 % fisicamente. Fino a che età giocherò? Mi piacerebbe giocare almeno fino ai 30 anni, poi ci sono tennisti che perdono la motivazione a quell'età ed altri che giocano fino ai 40 anni, sinceramente non so cosa accadrà a me.

Penso alla Zvonareva che ha giocato fino a questa età e che rispetto molto, abbiamo avuto un coach in comune ed era una tennista che ammiravo molto quando ero piccolo. Bautista? Sappiamo tutti che la classifica non corrisponde al suo livello, lui è un grande tennista e io dovrò giocare al meglio per batterlo.

L'ultima volta che ci siamo sfidati è stato un disastro per lui, io giocai male e lui ne approfitto' per conquistare la vittoria. Per sconfiggere un tennista come lui devi essere al 100 % fisicamente e mentalmente"