Korda non vede l'ora di affrontare Fognini: "Sarà divertente"



by   |  LETTURE 2232

Korda non vede l'ora di affrontare Fognini: "Sarà divertente"

Sebastian Korda è sicuramente uno dei giovani tennisti più interessanti del circuito maggiore. Il giocatore americano si è messo in mostra nella scorsa stagione raggiungendo gli ottavi di finale al Roland Garros e dominando i suoi avversari nel circuito Challenger.

Quest’anno, invece, Korda ha raggiunto la finale al torneo ATP 250 di Delray Beach, vinto il Challenger 1 di Quimper e guadagnato per la prima volta in carriera la top 100.

Korda su Fognini: "Sarà una partita divertente"

Al primo turno del Masters 1000 di Miami, Korda ha ottenuto una convincere vittoria contro Radu Albot.

“Adoro giocare durante la sessione serale” , ha spiegato Korda ai microfoni dell’ATP. “Ho giocato solo due partite in diurna quest’anno. Adoro giocare di notte e adoro giocare nel Sud della Florida.

Sono molto contento del modo in cui ho giocato oggi e di aver vinto nettamente. Sto cercando di lavorare duramente ogni giorno e questo sta finalmente dando i suoi frutti. Spero di poter fare il passo successivo e di arrivare in fondo anche nei tornei più importanti” .

Al prossimo turno, Korda affronterà Fabio Fognini. I due non si sono mai affrontati in carriera in singolare, ma ieri hanno avuto la possibilità di testare le capacità del proprio avversario in doppio. “Lo seguo da quando ero un bambino, ho visto molte sue partite” , ha detto Korda parlando del tennista italiano.

“Quindi sarà una partita molto divertente. Giocherò contro di lui in doppio e cercherò di abituarmi già ora al suo gioco. Spero di essere pronto per la sfida di sabato” . Fognini ha raggiunto le semifinali del Masters 1000 di Miami nel 2017.

In quella edizione, il tennista italiano si arrese solo a Rafael Nadal. Fognini sta cercando di ritrovare la sua migliore forma dopo un complicato 2020, anno in cui ha subito una dura operazione alle caviglie. Nonostante le difficoltà, il ligure si è spinto fino alla finale all'ATP Cup e fino agli ottavi agli Australian Open, dove a fermarlo è stato ancora una volta Nadal.