Zverev: "La sconfitta agli Us Open mi ha dato fame. Ranking? Così è inutile"



by   |  LETTURE 2163

Zverev: "La sconfitta agli Us Open mi ha dato fame. Ranking? Così è inutile"

La vittoria del torneo ad Acapulco ed il successo in finale su Stefanos Tsitsipas (non lo batteva da tre anni) hanno certificato l'ottimo momento di forma di Alexander Zverev, testa di serie numero 3 e sicuramente tra i favoriti nel Masters 1000 di Miami.

Il tedesco attende il vincente della sfida tra giovani talenti tra lo spagnolo Alcaraz e il nordico Ruusuvuori. In vista di queste sfide il tedesco ha parlato cosi in conferenza stampa: "Credo che la sconfitta agli Us Open mi ha reso ancora più affamato, ero a due punti dal mio primo Slam ma alla fine non ce l'ho fatta.

Quest'anno mi sento più motivato che mai, sto bene e sto provando a trovare le migliori condizioni per avere successo. Sto provando a costruire qualcosa di grande e sento che sto facendo le cose giuste, vediamo come andrà il resto dell'anno"

Il tedesco ha confermato che gli Slam sono la sua priorità: "Cemento o terra battuta? Penso che al momento il Roland Garros e gli Us Open siano più realistici rispetto alla vittoria a Wimbledon ma sogno di vincere Wimbledon, è il torneo che preferirei vincere"

Zverev e le parole sul ranking

Il tennista tedesco è tornato poi sulla polemica sul ranking: "So cosa cambierei ma non importa perché non sono io a decidere. L'Atp o chiunque decida, non credo si interessi alla mia opinione, onestamente.

Non voglio offendere ma credo che debbano ascoltare di più noi giocatori. Secondo voi per come ho giocato dovrei essere numero 7 al mondo o la mia classifica dovrebbe essere migliore? Nel ranking dovrebbe esserci movimento altrimenti le classifiche sono inutili.

Devono capire che è molto difficile battere qualcuno. Nonostante ciò le mie ambizioni non cambiano e sicuramente credo che un torneo come questo di Miami possa darmi fiducia e slancio in vista delle prossime settimane.

Spero di poter giocare meglio e che si vedano miglioramenti. Nel complesso penso di essere abbastanza in forma e non vedo l'ora di competere per i prossimi grandi titoli che disputerò nelle prossime settimane"