Le dure parole di Venus Williams contro il sessismo nel mondo dello sport



by   |  LETTURE 1281

Le dure parole di Venus Williams contro il sessismo nel mondo dello sport

La vincitrice di 7 prove del Grand Slam Venus Williams ha iniziato la stagione 2021 partecipando al torneo di Melbourne, dove ha battuto Arantxa Rus prima di perdere contro Petra Kvitova in due set. Agli Australian Open ha superato Kirsten Flipkens e perso nella partita successiva contro la nostra Sara Errani col punteggio di 6-1 6-0, complice anche un brutto infortunio che le ha quasi impedito di continuare.

Venus Williams: “Mi rifiuto di pensarla in questo modo”

Parlando recentemente con Vogue, l’ex numero uno WTA si è scagliata contro il sessismo che ancora affligge molti settori della nostra società, tra cui quello dello sport: “C’è sempre la convinzione che il tennis femminile non sia importante quanto quello maschile”, ha detto Venus.

“Ho vinto il mio ultimo titolo di Wimbledon nel 2008 e ho conquistato quattro medaglie d’oro olimpiche nel corso della mia carriera. Mi rifiuto di lasciare che questa convinzione influenzi il mio successo. E non dobbiamo permettere che sia questa a dettare il progresso della società.

Il sessismo non è un problema delle donne più di quanto non lo sia il razzismo per un uomo di colore. Gli uomini devono comprendere che l’uguaglianza di genere è una questione che riguarda le pari opportunità per le donne, non significa che debbano lasciare il potere”.

La campionessa americana ha disputato la sua ultima semifinale in un evento del Grand Slam agli Us Open 2017: allora fu in grado di sconfiggere Vikoria Kuzmova, Oceane Dodin, Maria Sakkari, Carla Suarez Navarro e Petra Kvitova, prima di cedere contro la giovane connazionale Sloane Stephens col punteggio di 6-1 0-6 7-5.

Oggi ufficialmente al 79° gradino della classifica ufficiale WTA, Venus ha occupato la vetta del ranking mondiale per un totale di 11 settimane. Ha sfidato per l’ultima volta sua sorella Serena negli ottavi di finale di Lexington 2020, perdendo in rimonta al terzo set. Photo Credit: Vanity Fair