Zverev zittisce la critica: "Sono il NextGen con più titoli nel circuito"



by   |  LETTURE 7841

Zverev zittisce la critica: "Sono il NextGen con più titoli nel circuito"

Bella vittoria per Alexander Zverev nel torneo Atp 500 di Acapulco. Il tedesco soffre, parte male e si ritrova ad un passo dal baratro ma ribalta le cose nella finale contro Stefanos Tsitsipas conquistando così il suo quattordicesimo titolo in carriera.

Erano circa tre anni che Zverev non batteva il tennista greco ed aveva perso addirittura gli ultimi 5 precedenti. Il match si è concluso stavolta con la vittoria del tedesco in oltre due ore di gioco con il risultato di 6-4;7-6.

Al termine del match il tennista tedesco, numero 6 al mondo, ha raccontato le sue impressioni ed ha parlato dei suoi successi raccolti in questi anni. Zverev è uno dei principali tennisti candidati a sostituire i Big Three ed alla soglia dei 24 anni il tedesco sembra avere la maturità giusta per cercare titoli migliori.

Zverev e la lotta con i NextGen

In conferenza stampa il tedesco ha fatto un interessaante riferimento agli altri NextGen. Ecco le sue parole: " Thiem ha più titoli di me, ma bisogna ricordare che lui è del 93', è più grande di età mentre io sono il tennista della NextGen con più titoli.

Alla fine ci penso ed è una cosa che mi piace, sono statistiche ma è per questo che lottiamo, andare in finale e vincere. Dopo una settimana come questa sono davvero soddisfatto del risultato conquistato, ma il mio obiettivo è sempre lo stesso.

Voglio vincere i tornei più importanti del circuito, voglio vincere i Grandi Slam. So che sono davvero difficili da raggiungere e sono ancora a quota 0, ma questo è il mio vero obiettivo e spero che vittorie del genere possano aiutarmi a raggiungerlo"

Cosa bisogna fare prima di arrivare in una finale? "La cosa più difficile è che nello spogliatoio sei sempre con il tuo avversario, sempre un gran rivale e occorre massimo rispetto e serietà. Servono progressi mentali e sai che la finale sarà il match più duro della settimana, la preparazione sicuramente cambia ma di solito devo dire che affronto ogni match con il massimo rispetto"