Il figlio di Tiriac attacca Ohanian: "La libertà di parola non deve portare calunnie"



by   |  LETTURE 1395

Il figlio di Tiriac attacca Ohanian: "La libertà di parola non deve portare calunnie"

Sono passate poche ore dall'eliminazione di Serena Williams dalle semifinali degli Australian Open 2021. La tennista è stata sconfitta in modo abbastanza netto dalla nipponica Naomi Osaka, vincitrice della sfida in due match.

'Alle orecchie degli appassionati' sono così tornate in mente le dichiarazioni dell'ex tennista e direttore del Madrid Mutua Open Ion Tiriac che, agli inizi del 2021, aveva portato tante polemiche con le seguenti dichiarazioni: "A quest'età e con questo peso che vediamo adesso, possiamo dire tranquillamente che Serena Williams non si muove facilmente come avveniva 15 anni fa.

Credo che se avesse avuto un po' di decenza si sarebbe già ritirata" Queste dure parole risuonarono subito e il marito di Serena Williams, Alexis Ohanian, reagì attaccando Tiriac e definendolo un clown razzista.

La risposta del figlio di Ion Tiriac

Queste parole non sono affatto piaciute al figlio di Ion Tiriac, l'imprenditore Alexandru che, ha risposto alla reazione emotiva di Alexis con una dura lettera. Ecco le sue parole: "Al marito della signora Williams, ho letto le sue parole con un mix di incredulità e disgusto.

Il nome Tiriac ha una tradizione di 70 anni nel mondo dello sport e mio padre, un gentiluomo, ha scritto alcuni capitoli importanti che hanno contribuito al libro del tennis in questi decenni. Tennista, coach e manager, promotore di tornei, mio padre all'età di 82 anni, è uno dei più forti sostenitori del mondo del tennis e merita rispetto.

Serena Williams è una tennista straordinaria e sarà ricordata come una dei primi 20 tennisti della storia di questo sport. Ha una forte personalità che ha aperto le porte alle giovani generazioni, in tutte le pieghe dello sport e della vita sociale.

Rispondo a queste inutili parole per ricordare che le parole sono facilmente interpretate male nel mondo di oggi attraverso le varie piattaforme esistenti. La libertà di parola non dovrebbe essere sostituita con calunnie inappropriate.

Facendo mia una citazione del passato dico 'Da un grande potere derivano grandi responsabilità' e come marito della signora Williams lei rappresenta non solo la sua voce ma quello di un'icona. Spero che attraverso queste dichiarazioni posso portare saggezza alle tue future parole pubbliche e magari un po' di rispetto per un uomo che ha fatto la storia di questo sport"