Rublev dopo la sconfitta: "Medvedev non aveva mai giocato così bene con me"



by   |  LETTURE 2252

Rublev dopo la sconfitta: "Medvedev non aveva mai giocato così bene con me"

Per la quarta volta in carriera Andrey Rublev aveva raggiunto i quarti di finale di un torneo del Grande slam e, come le precedenti tre occasioni, anche oggi si è dovuto arrendere al gioco dominante del proprio avversario.

In questo caso quest’oggi si è trattato del connazionale Daniil Medvedev, in serie positiva dal Masters 1000 di Parigi dello scorso anno e, ora più che mai, determinato a conquistare il suo primo slam dopo la finale del 2019 a New York che perse contro Rafa Nadal.

Una partita che, nonostante si giocasse fra il numero 8 e il numero 4 del mondo, ha evidenziato tanto margine fra i due giocatori, più di quanto indichi la classifica. Tre set a zero il punteggio (7–5 6–3 6–2) e il sogno della prima semifinale slam rimandato ancora una volta per il tennista sovietico che si allena in Spagna.

Come riconosciuto dallo stesso Rublev, le chance di vittoria perdevano credibilità ogni minuti che passava, complice un tennis assolutamente performante del proprio avversario, capace di ribattere colpo su colpo il tennis aggressivo di Rublev grazie alle proprie doti difensive e di contrattacco.

Ecco le parole di Rublev in conferenza stampa

“Daniil ha giocato la sua migliore partita contro di me. Non sono sicuro che possa giocare a tennis meglio di come fa oggi. Ci sono diversi momenti che avrebbero potuto cambiare il corso della partita, in particolare sul 4–3 nel secondo set quando mi ha fatto il break.

Non è la prima volta che perdo il servizio dopo una pausa da un cambio di campo. Detto questo, è stato assolutamente migliore di me quest’oggi e si merita la sua vittoria " – ha dichiarato Rublev dopo il proprio match.

Un torneo comunque positivo per Rublev che conferma continuità e un’ottima saluta fisica, fattori determinanti per la sua ascesa nel 2020 che lo ha portato a disputare le Atp Finals a Londra, dove si è tolto anche la soddisfazione di conquistare un match durante il round robin contro Dominc Thiem