Rublev: "Medvedev? É uno dei migliori giocatori al mondo, sarà dura"



by   |  LETTURE 2180

Rublev: "Medvedev? É uno dei migliori giocatori al mondo, sarà dura"

Andrey Rublev ha raggiunto per la quarta volta in carriera i quarti di finale in un torneo del Grande Slam. Il tennista russo, che ha anche vinto l’ATP Cup lo scorso 7 febbraio, non ha perso nemmeno un set fino a questo momento ed ha giocato un tennis di altissimo livello.

Dopo la vittoria su Casper Ruud, Rublev ha parlato della crescita del tennis maschile russo in conferenza stampa. Ricordiamo che Aslan Karatsev è riuscito a qualificarsi per le semifinali degli Australian Open, si tratta della prima partecipazione Slam per lui, e che Daniil Medvedev affronterà proprio Rublev ai quarti di finale.

Rublev presenta la sfida con Medvedev

“Non ci avevo pensato, ma è qualcosa di incredibile. È la prima volta che accade, quindi stiamo parlando di qualcosa di molto speciale. Vedremo cosa succederà nei prossimi giorni” , ha dichiarato il numero otto del ranking ATP.

“Prossima sfida con Medvedev? Non ci siamo affrontati spesso nel circuito Junior. Quando abbiamo iniziato a giocare a livello ATP, sia io che Karen( Khachanov, ndr) eravamo più in alto di lui in classifica. Dopo il 2018 è entrato in top 100 e dalla prima finale giocata nel 2019 ha iniziato a giocare incredibilmente bene.

Ha conquistato la top ten ed ora è uno dei migliori giocatori al mondo. Imparo molto da lui in questo momento. All’inizio ero molto concentrato su me stesso; ora imparo molto da lui e Karen: ci alleniamo spesso insieme e parliamo costantemente di tennis.

Medvedev è molto bravo: legge le partite in maniera incredibile ed ha grande pazienza durante gli scambi. Tutte queste cose, che costituiscono i piccoli dettagli, sono le qualità che rendono Daniil il giocatore che è.

Sarà una partita diffcile” . Medvedev ha invece cosi parlato della rivalità tra lui e Rublev. "Fa parte del nostro lavoro, ci incontreremo sicuramente dieci o più volte nel corso della nostra carriera, magari anche più di quindici.

Ovviamente non mi aspetto che la nostra rivalità finisca 15-0 in mio favore, o qualcosa del genere. Ma è il nostro mestiere, possiamo chiacchierare senza problemi dopo la partita, anche se durante la sfida vogliamo entrambi vincere, vogliamo lottare per dare la migliore versione di noi stessi.

Siamo entrambi molto competitivi, ma alla fine restiamo ottimi amici. Quando il match sarà finito ci congratuleremo a vicenda e tutto tornerà come se non fosse successo niente, anche se uno dei due rimarrà deluso del risultato. Abbiamo ancora tante partite da disputare” .