Karatsev dopo la vittoria: "È incredibile, devo tutto al mio team"



by   |  LETTURE 2023

Karatsev dopo la vittoria: "È incredibile, devo tutto al mio team"

Una favola, un sogno, l’impronta tangibile del destino, possiamo descriverla in tanti modi la cavalcata di Aslan Karatsev a Melbourne. Dopo la vittoria anche un po' fortunata contro Grigor Dimitrov, complice l’infortunio alla schiena che ha costretto il bulgaro ad una resistenza quasi impalpabile, il tennista sovietico giocherà la sua prima semifinale slam contro il vincente del match fra Nole Djokovic e Sasha Zverev.

Il russo, che attualmente occupa la 114esima posizione, è stato protagonista di una settimana d’oro in cui ha battuto tre top 25 tra cui il numero 10 del mondo, l’argentino Schwartzman. Un percorso ricco di prodezze che se anche dovesse interrompersi in semifinale garantirebbe a Karatsev l’ingresso comodo nella top 50 (42 al mondo più precisamente), suggellando una corsa ad ostacoli straordinariamente interpretata dal russo.

Il primo semifinalista dell’edizione 2021 dell’Australian Open ha cercato di spiegare questo risultato storico in conferenza stampa, durante la quale ha sottolineato la grande importanza della propria squadra.

Fondamentale per il russo l'alchimia nata fra lui e il proprio coach

“Continuo a pensare a tutto quello che mi è successo nelle ultime settimane. È incredibile essere arrivati ​​in semifinale dopo le qualificazioni.

Cerco di godermi il momento presente, senza pensare troppo ad altro. Forse la chiave di tutto era trovare la squadra giusta, l'allenatore giusto per me. Ci siamo incontrati mentre giocavo un torneo Futures e ha scommesso su di me per il futuro.

È stato allora che abbiamo iniziato a lavorare insieme e i risultati sono stati straordinari” - ha dichiarato il tennista sovietico. Un primo slam dell’anno che si conferma come una terra di conquista dei giocatori russi, ben 3 nei quarti di finale, di cui sicuramente due in semifinale (questo perché Medvedev e Rublev si incontreranno nel quarto di finale di domani).

Fra questi Daniil Medvedev è quello che più degli altri gode dei favori del pronostico, tuttavia il torneo di quest’anno, con i suoi continui capovolgimenti, ci ha insegnato a non dare mai nulla per scontato.