Berrettini, dal problema agli addominali alla prossima sfida con Tsitsipas



by   |  LETTURE 4493

Berrettini, dal problema agli addominali alla prossima sfida con Tsitsipas

Matteo Berrettini ha sconfitto Karen Khachanov in tre set ed ha conquistato l’accesso agli ottavi di finale degli Australian Open. Nonostante il punteggio, sono stati pochi i punti che hanno deciso la partita. I due tennisti sono riusciti solo due volte a brekkare il proprio avversario ed a fare la differenza sono stati i tre tie-break disputati.

Berrettini, dai problemi fisici alla sfida con Tsitsipas

“Non so quale sia il mio record nei tie-break, se ne ho vinti più di quanti ne ho persi. Mi piacerebbe scoprire che ne ho vinti di più! " , ha detto Berrettini in conferenza stampa.

"In generale oggi credo di aver costruito di più durante i game normali. Sapevo che nel momento importante avrei vinto i punti importanti, era come una sensazione, mi ero creato lo stato mentale per vincere quei punti.

Durante i game normali studi l’avversario, le cose più evidenti e cerchi di incamerare il più possibile. Poi ovviamente c’è una dose di fortuna e in parte dipende dall’avversario; oggi credo di essere stato più pronto di lui.

I campi sono molto rapidi, e come in tutti i tornei i campi grandi sono leggermente più lenti. Però mi trovo bene, il mio servizio e il mio gioco aggressivo pagano di più su questi campi. È anche una questione di approccio mentale, comunque le condizioni mi piacciono.

Tsitsipas agli ottavi? Sarà una partita difficile, è un ragazzo giovane ma ha già vinto tanto e calcato grandi palcoscenici. Ci ho perso due volte in partite molto tirate. Ci conosciamo bene e ci siamo allenati spesso insieme.

Sarò pronto, non credo di dovermi inventare chissà cosa. Giochiamo in modo abbastanza simile, vincerà chi giocherà meglio i punti importanti“ . Berrettini ha infine parlato del problema agli addominali che gli ha creato qualche preoccupazione sul finale di partita.

"Sicuramente sento qualcosa, ma ancora non so bene cos’è. Ho fatto trattamenti, tutto quello che dovevo fare, vediamo domattina come mi sveglio“ .