Serena Williams dopo la notizia del lockdown a Melbourne: ecco la reazione



by   |  LETTURE 3362

Serena Williams dopo la notizia del lockdown a Melbourne: ecco la reazione

Tornano i problemi all’Australian Open, o meglio a Melbourne. Proprio quando uno spiraglio di normalità aveva illuminato i campi del primo slam della stagione, finalmente gremiti di spettatori festanti, a tratti chiassosi, ma straordinariamente elettrizzanti, ecco la notizia che lascia tutti interdetti.

Il governo dello stato di Victoria (dove si trova Melbourne) tornerà in lockdown per 5 giorni in seguito alla scoperta di un "cluster" di positivi al covid (c’è chi parla di 13 casi, chi di 19).

Per estensione, questo significa il ritorno delle porte chiuse (dalla mezzanotte di venerdì) per il torneo degli Australian Open. Un fulmine a ciel sereno non soltanto per gli abitanti e per i cittadini australiani, ma anche per gli stessi tennisti, galvanizzati dalla presenza del pubblico dopo tanti mesi di silenzi e desolazione.

Ovviamente, non è stato possibile eludere l'argomento durante la conferenza stampa della campionessa americana Serena Williams, reduce dalla vittoria contro Anastasia Potapova, numero 101 del mondo, per 7–6 (5), 6–2.

Una decisione sofferta da parte delle istituzioni australiane che è stata comunicata proprio mentre Serena stava disputando il proprio match.

Serena divisa fra l'amarezza e il buon senso

“In realtà non ne avevo idea fino alla fine del match.

Penso che sia stato meglio non saperlo. È difficile. I prossimi giorni saranno molto difficili per tutti. Non è ovviamente l'ideale. È stato davvero divertente riavere i fan, specialmente qui. Era veramente fantastico.

Voglio restare nel torneo per rivederli ancora sulle tribune. Ma sai, alla fine, dobbiamo fare il meglio possibile per preservare la salute. Spero che tutto vada bene." – ha dichiarato una triste Serena Williams, a caccia del 24esimo slam da ormai parecchi anni.

Un torneo agognato che, se dovesse arrivare, certamente vorrebbe poter festeggiare di fronte ai propri fan. La situazione, come hanno lasciato intendere gli addetti ai lavori, è in continuo divenire e al momento attuale è difficile prevedere se scaduti questi cinque giorni l’emergenza temporanea rientrerà senza conseguenze.

Qualora fosse così, le fasi finali del torneo potrebbero riaccogliere di nuovo il pubblico, tuttavia la Pandemia ci ha insegnato che le previsioni possono cambiare da un momento all’altro, senza preavviso.