Medvedev: "Mi considerano il favorito? È una cosa positiva"



by   |  LETTURE 1157

Medvedev: "Mi considerano il favorito? È una cosa positiva"

Dopo aver vinto tutti i match di singolare disputati all’ATP Cup e portato la Russia sul tetto del mondo, Daniil Medvedev ha confermato il suo ottimo stato di forma al primo turno degli Australian Open. Il numero quattro del mondo era atteso da una sfida piuttosto ostica, ma ha espresso il suo miglior tennis e si è liberato in tre set di Vasek Pospisil.

Medvedev ha disputato una partita impeccabile al servizio: non ha concesso nemmeno una palla break al suo avversario ed ha ottenuto il 78% dei punti con la prima.

Medvedev: "Ho lavorato tutto la vita per essere uno dei migliori"

“È stato un bene non perdere nemmeno una partita all’ATP Cup, ma dall’altra parte, bisogna considerare che abbiamo giocato domenica e che nel corso della settimana ho giocatori con molti giocatori presenti in top 10” , ha spiegato il russo dopo l’esordio vincente.

“Non sapevo come avrebbe reagito il mio fisico, quindi sono felice di aver chiuso il match velocemente e di essermi sentito bene. Vasek può giocare davvero un tennis di alto livello. Dopo la partita, mi ha detto che non è stato in grado di prepararsi nel migliore dei modi a causa della quarantena.

Mi sento fortunato, in questo senso” . Grazie al successo ottenuto contro Pospisil, Medvedev ha allungato la sua striscia di vittorie consecutive portandosi a quota 15 ed ora è considerato uno dei maggiori favoriti a Melbourne.

“Non conosco tutti i record del tennis, ma so che Novak, Roger e Rafa sono arrivati a 40 o più. Il Masters 1000 di Parigi-Bercy, le ATP Finals e l’ATP Cup non sono tornei facili, quindi è fantastico per me aver vinto tutte queste partite.

Spero di poter continuare a vincere. Favorito? Cerco solo di vincere le partite. Le persone mi considerano il favorito; per me è una buona cosa, perché ho lavorato tutto la vita per essere uno dei migliori giocatori del mondo. Sono felice di questo, ma bisogna vincere sette partite ed io sono solo alla prima” .