Victoria Azarenka dopo la sconfitta: “È tempo di cambiare alcune regole”



by   |  LETTURE 4723

Victoria Azarenka dopo la sconfitta: “È tempo di cambiare alcune regole”

L’ex numero uno del mondo Victoria Azarenka ha conquistato due edizioni consecutive degli Australian Open: nel 2012 e nel 2013, sconfiggendo rispettivamente Maria Sharapova e Li Na. Tuttavia, è da cinque anni che la bielorussa non raggiunge i quarti di finale a Melbourne, dove poche ore fa è stata sorpresa al primo turno dall’americana Jessica Pegula in due set.

Nel corso dell’ultima partita, Victoria è stata anche costretta a richiedere un medical time out e questo ha provocato la successiva raffica di domande da parte dei giornalisti, curiosi di conoscerne nel dettaglio le motivazioni.

Azarenka: “Le cose dovrebbero essere differenti”

Stizzita per il vantaggio sprecato nel primo set (era avanti 5-2) e per le domande a lei rivolte dai giornalisti, Vika ha detto dopo il match: “Non dovrebbe essere obbligatorio per le persone dover fare luce sui loro problemi di salute.

Anche dal punto di vista legale i medici non dovrebbero rilasciare alcuna informazione. Credo che questo dovrebbe far riflettere sull’adozione di una nuova regola”. L’ex campionessa di Melbourne ha quindi aggiunto: “Non so davvero perché continuiamo a ricevere queste domande sulle nostre condizioni mediche, tutto ciò finirà su Internet dove le persone ne potranno discutere e giudicarci.

Non capirò mai il motivo per cui – se uno sta male o è infortunato – debba svelarne la causa al mondo intero. Penso che questo dovrebbe essere cambiato, a meno che non siano i giocatori stessi a volerne parlare”.

Pegula, 26 anni, non aveva mai superato il primo incontro agli Australian Open. Il suo miglior risultato in un evento del Grand Slam era rappresentato dal terzo turno degli Us Open 2020, battuta da Petra Kvitova in due set.

Oggi numero 13 WTA, Azarenka ha occupato la prima posizione del ranking femminile per 51 settimane complessive. Prima degli Open d’Australia aveva preso parte anche al Grampians Trophy di Melbourne, dove ha battuto Yulia Putintseva prima di dare forfait contro Anett Kontaveit.