Bertolucci: "Sinner è già competitivo per la vittoria a questo livello"



by   |  LETTURE 4215

Bertolucci: "Sinner è già competitivo per la vittoria a questo livello"

Jannik Sinner e Stefano Travaglia daranno vita ad una finale tutta italiana al Great Ocean Road Open. L’ultima volta, a Firenze nel 1988, furono Massimiliano Narducci, e Claudio Panatta ad affrontarsi all’ultimo atto di un evento del circuito professionistico. Paolo Bertolucci, che aveva giocato l'ultima finale "italiana" all'estero a Il Cairo nel 1980, ha rilasciato una interessante intervista al sito ufficiale della FIT.

Bertolucci sulla finale tra Sinner e Travaglia

"40 anni dall'ultima finale tutta italiana all'estero? Una follia. Troppi. Anche perché dopo la mia generazione c’è stato un buco, a sprazzi ci sono stati giocatori buoni ma ora emergeva uno ora l’altro, non insieme con continuità.

E’ pazzesco che sia passato tutto questo tempo fra quella partita del Cairo e questa di Melbourne perché quando c’erano Gaudenzi, Furlan e Camporese che gravitavano intorno ai primi 20 del mondo sarebbe potuta succedere una finale in un torneo del livello di quello in cui si affrontano ora Sinner e Travaglia.

Evidentemente le circostanze di incroci del tabellone sono state sfortunate" .Bertolucci si è poi soffermato su Sinner e Travaglia. "Sorpreso? Per quanto riguarda Sinner sicuramente no: come già a Sofia l’anno scorso, a questo livello, Jannik è già competitivo per la vittoria.

Per quanto riguarda Travaglia, invece, arrivarci a 29 anni è un grandissimo risultato, un premio al lavoro, alle difficoltà che ha avuto nel raccattare punticini in tornei difficili e disagiati per crescere come giocatore e in classifica.

Ne ha mangiata di polvere! Se a 25 anni gli avessero detto che sarebbe arrivato nei primi 50 del mondo sarebbe stato il primo a ridere. Bravo, sono proprio contento per lui. Il ragazzo ha raggiunto questo traguardo al culmine di una crescita generale che riguarda tutto il tennis italiano” .

Ricordiamo che Sinner, il prossimo lunedi, farà il suo esordio agli Australian Open contro Denis Shapovalov in quella che sarà la partita di primo turno più interessante del torneo.