Furia Troicki sulla quarantena: "È un caos, giocare 5 set così è impossibile"



by   |  LETTURE 1278

Furia Troicki sulla quarantena: "È un caos, giocare 5 set così è impossibile"

Il primo Slam della stagione, l'Australian Open, appare ormai alle porte ma attorno al torneo di Melbourne stanno piovendo numerose polemiche. Alcuni tennisti, provenienti dai voli di Abu Dhabi e Los Angeles, sono stati loro malgrado a contatto con persone positive sul volo e gli organizzatori del torneo, seguendo le direttive del Governo australiano, hanno deciso che questi atleti dovranno restare chiusi in albergo per 14 giorni, senza neanche la possibilità di allenarsi.

Una 'doccia fredda' per tanti atleti che inizieranno l'Australian Open, in programma il prossimo 8 Febbraio, quasi senza alcun allenamento. Tanti tennisti si sono lamentati di questa cosa e tra loro c'è anche l'esperto tennista serbo Viktor Troicki: attualmente numero 202 delle classifiche mondiali, Troicki ha vinto le tre gare di qualificazione disputate quest'anno a Doha ed ha avuto così accesso al tabellone principale del torneo.

Lui ed altri 71 tennisti sono però ora in quarantena rigorosa e dovranno rispettare queste severe regole. Il suo miglior risultato in Australia è il terzo turno e Troicki ha rivelato le sue impressioni ai microfoni del portale Sportski Zurnal.

Le parole di Troicki sulla quarantena rigida

Ecco le parole di Troicki riguardo la quarantena: "Se lo sapevo non sarei mai venuto. È un caos totale, un orrore che riguarda tutto ciò che sta accadendo qui.

Sono rinchiuso qui per 14 giorni e non posso lasciare la mia stanza. Nessun allenamento né niente. Il mio Grande Slam è già fallito, è impossibile prepararsi così e disputare cinque set. Due settimane a letto, credo che dovrò rimettermi in forma per il prossimo mese e mezzo.

Questa cosa sta creando caos nella mia carriera" Il numero uno al mondo e connazionale di Troicki, Novak Djokovic, ha scritto una lettera agli organizzatori del torneo ed al Governo di Victoria per allentare le restrizioni, ma questa cosa ha generato ulteriori polemiche ed ha creato casini anche al numero uno al mondo, impegnato invece ad Adelaide insieme a Rafael Nadal, Dominic Thiem, Serena Williams, Naomi Osaka e Simona Halep.